A più voci contro le scelte Alitalia

A bordo di un trattore per contrastare Alitalia

Luigi Pepe, parlamentare dell’Udeur, intraprende una originale protesta nei confronti della compagnia aerea Alitalia che ha intenzione di sopprimere il volo di linea Brindisi-Milano. Al suo fianco anche Beniamino Piemontese e Antonio Rotundo

Luigi Pepe, segretario regionale dell’Udeur e parlamentare salentino, a Milano ci arriverà in trattore. E’ questa, infatti, la sua personale ed originale protesta nei confronti della compagnia aerea Alitalia che ha annunciato la cancellazione del volo di linea Brindisi (Papola Casale)-Milano (Malpensa) a partire dal 29 ottobre prossimo. Venerdì 13 ottobre, quindi, Pepe partirà dall’aerostazione di Brindisi alla volta di Milano a bordo del singolare mezzo di trasporto, proprio allo stesso orario di partenza del volo di linea che Alitalia ha intenzione di sopprimere. L’iniziativa è stata pienamente accolta da Beniamino Piemontese, coordinatore dell’associazione Osservatorio, il quale ha inviato una lettera aperta al parlamentare dell’Udeur, annunciando che quel giorno sarà al suo fianco all’aeroporto di Brindisi per accompagnarlo nella protesta. “Una giusta e sacrosanta azione di protesta – ha infatti scritto Piemontese – che anche altri rappresentanti politici di tutto il Salento dovrebbero fare propria e sostenere in tutte le forme possibili, unitamente ai cittadini ed a tutte le forze culturali ed associative esistenti sul territorio, per difendere e tutelare il Salento, perchè possa divenire veramente il ‘Grande Salento’ desiderato e non essere ridotto, invece, ad un piccolo Salento dai tagli e dai soprusi altrui”. Sulla stessa linea si è schierato Antonio Rotundo, candidato sindaco di Lecce per l’Unione, che ha definito l’atteggiamento di Alitalia “inaccettabile”, perchè rappresenta un ostacolo al progetto di un Grande Salento, integrato con il resto del Paese. Rotundo ha invitato anche gli altri gruppi politici ad opporsi alla scelte che ha definito “arbitrarie e antisalentine” di Alitalia e di scendere al fianco di Luigi Pepe.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!