Giunta-Pellegrino: sostegno della Margherita

Con la nuova giunta provinciale, la Margherita ne esce rafforzata

Gigi Nestola, coordinatore provinciale della Margherita esprime soddisfazione per la nuova giunta provinciale: le nuove deleghe, secondo il suo punto di vista, sono l’ennesima dimostrazione di un lavoro di sintesi politica svolto con equilibrio e senso istituzionale

“La Margherita condivide ed apprezza il metodo del presidente Pellegrino che ha concluso il lavoro di sintesi politica per la ridefinizione delle deleghe assessorili, manifestando ancora una volta equilibrio e senso istituzionale”. Gigi Neswtola, coordinatore provinciale della Margherita, ha commentato così la nuova giunta provinciale presentata ieri da Giovanni Pellegrino. “La Margherita – ha detto Nestola – dal suo punto di vista esce rafforzata per l’importanza delle deleghe assegnate e quindi per il riconoscimento di un ruolo primario nel perseguimento di obiettivi programmatici, particolarmente per quei problemi che definiscono la sensibilità verso un mondo strategico (l’associazionismo di ogni orientamento sociale e culturale, fra cui quello cattolico che è fondamentale e maggioritario nel tessuto territoriale). Siamo, inoltre, soddisfatti – ha proseguito il coordinatore provinciale – perché il lavoro svolto negli anni precedenti dai nostri assessori viene anch’esso riconosciuto e premiato con l’istituto della conferma e la fiducia in ulteriori impegni. Tale è per noi la scelta della funzione vicaria per Loredana Capone e l’affidamento di nuove deleghe all’assessore Caputo e alla stessa vicepresidente che conservano le proprie competenze ad esempio nel campo del bilancio, della valorizzazione del patrimonio , della comunicazione istituzionale e delle pari opportunità. La scelta del presidente – conclude Nestola – di conservare la delega per la Cultura induce la Margherita ad assicurargli una speciale collaborazione e sostegno attraverso l’impegno istituzionale dell’amico Claudio Casciaro nella sua specifica competenza dipPresidente della Commissione consiliare”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!