Poli chiede una compagnia aerea per il Sud

Continuano i disagi causati da Alitalia all’aeroporto di Brindisi

Dopo il taglio del volo Alitalia Brindisi-Milano, Adriana Poli Bortone, sindaco di Lecce, rilancia l’idea di una nuova compagnia aerea del Sud e del Mediterraneo

Adriana Poli Bortone, primo cittadino del capoluogo salentino, critica con forza la decisione di Alitalia di cancellare il volo tra l’aeroporto di Brindisi e quello di Malpensa a partire dal prossimo 29 ottobre. “Credo che non sia più possibile assistere inermi ai capricci di Alitalia – afferma il sindaco di Lecce – che infarcisce la torta dei disservizi per la Puglia con la ciliegina del taglio del collegamento tra Brindisi e Milano. Una decisione inaudita. Il territorio continua ad essere penalizzato dalle strategie della compagnia aerea – denuncia Poli Bortone – che già imperversa su chi vola con servizi esosissimi e di scarsa qualità. Come facciamo a ragionare di ‘Grande Salento’ o di ‘Città Salento’ di fronte a queste cose? Più volte ho denunciato in passato questi comportamenti, appellandomi nel contempo alle forze politiche ed imprenditoriali per il raggiungimento di larghe intese utili a risolvere una situazione insostenibile. Mi preme rispolverare – prosegue – a questo punto, l’invito che feci ai sindaci del Mezzogiorno di promuovere la costituzione di una compagnia aerea del Sud Italia e del Mediterraneo che renda non imprescindibile il ricorso ad Alitalia e consenta a noi meridionali di viaggiare di più e meglio. Potrebbe essere utile in questo senso – conclude – l’acquisizione di quote delle compagnie aeree esistenti. Oppure pensare di rinforzarle e aprire chiaramente il mercato. Considerato che siamo nell’era del governo delle liberalizzazioni”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!