Destra sociale leccese, tempo di cambiare

Un incontro per discutere sulle future prospettive della destra italiana

Durante una riunione a Galatone, la Destra sociale leccese ha scelto Francesco Caccetta, vicesindaco di Specchia, come coordinatore provinciale dell’associazione Nuova Italia

La Destra Sociale, la componente interna ad Alleanza nazionale guidata da Gianni Alemanno, riparte con una associazione tutta nuova, l'associazione Nuova Italia, ormai presente in tutto il territorio nazionale. Affidato a Roberto Tundo il compito di coordinare le associazioni delle sei province pugliesi. L’associazione Nuova Italia, il mensile di politica, cultura ed economia “Area”, la rete dei siti internet, la fondazione Nuova Italia, nell’insieme costituiscono un efficace complesso associativo capace di imporsi politicamente e socialmente. A Galatone, Francesco Caccetta, collaboratore de La Contea e di Euromediterraneo, militante di An, vicesindaco di Specchia, è stato nominato coordinatore provinciale dell’associazione Nuova Italia. Durante l’incontro è stato analizzato, inoltre, il documento approvato dall’esecutivo politico di An, la cosiddetta Fiuggi 2, che sarà oggetto dell’Assemblea Nazionale di An del 7 e 8 ottobre prossimi a Roma. Un documento che ha il pregio di avviare il dibattito dentro An e dentro la Casa delle Libertà in cui la prospettiva del partito unico non è un obiettivo di medio termine. Infine, nel corso dell’incontro, tutti i presenti sono stati d’accordo nel respingere riposizionamenti di An che, da partito di destra, troverebbe una nuova collocazione nello scenario politico italiano, come partito di centrodestra. La vera sfida sarà dunque attuare una sapiente unione tra moderati e intransigenti, le due anime del movimento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!