Il Salento incontra la Grecia

Intese, incontri e scambi reciproci tra le comunità ellenica ed italiana

Lo scorso giovedì una delegazione ellenica ha incontrato, a Palazzo Carafa, Francesca Mariano, assessore con delega ai servizi per gli anziani. Temi dell’incontro terza età, giovani ed immigrazione

Italia e Grecia sempre più vicine. Salento e sponda ellenica del canale d’Otranto accorciano le distanze. Già nei giorni scorsi Kristos Siontis, console italiano in Grecia, ha incontrato Adriana Poli Bortone, sindaco di Lecce. Giovedì 28 settembre, invece, una delegazione guidata da Aleksander Kardamicis, vicesindaco di Corfù e da Iannis Davilis, responsabile della comunità ellenica, ha incontrato a Palazzo Carafa Francesca Mariano, assessore con delega ai Servizi per gli anziani ed Isabel Bernardini, presidente del Centro per la diffusione della lingua e della cultura greca. Un confronto molto proficuo, finalizzato allo scambio di idee e di esperienze utili per attivare politiche comuni sulla terza età, sui giovani e sull’immigrazione. Nel corso dell’incontro, inoltre, si è registrata una positiva comunione d’intenti e si è prospettata la possibilità di iniziative concordate tra la comunità italiana e quella ellenica. L’obiettivo è anche quello di dare seguito al protocollo d’intesa stipulato con l’Agenzia per il patrimonio culturale euromediterraneo per promuovere la lingua e la cultura greca in Italia e diffondere la lingua italiana in Epiro. La stessa intesa prevede l’apertura di una sede dell’Agenzia presso il consolato italiano a Joannina. Infine, è previsto che nel prossimo mese di novembre le due comunità possano siglare altri accordi sui temi della cultura e della cooperazione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!