[DVD] Munich

Spielberg mette in scena un film politico, senza la speranza di Schindler’s List, senza l’epica si Save private Ryan. Al contrario è un film duro, durissimo, che condanna tutti noi.

Durante le Olimpiadi del 1972 di Monaco il commando di estremisti palestinesi Settembre Nero prende in ostaggio e poi uccide la squadra olimpica israeliana. Avner, agente del Mossad, viene incaricato dal governo di costruire una squadra di cinque uomini con l’incarico di stanare e uccidere i responsabili per vendicare l’attentato. Si parla di Spielberg come di un autore buonista. Non ho mai condiviso questa opinione, anche se molto del suo ultimo cinema ha un problema di “finale”, da The terminal, ad AI, da Minority Report a Salvate il soldato Ryan: tutti film potentissimi e perfetti nella prima parte, più mosci e imperfetti nella seconda. Comunque, qualunque opinione abbiate sul cinema di Spielberg, scordatevi il buonismo. Munich è un film duro come pochi altri, di condanna assoluta, un film in cui non c’è pace (né tanto meno la Pace) alla fine di tutto. Un film che racconta di “persone gentili con mani da macellai”. Per questo Munich è un film di quelli fondamentali, di quelli che raccontano il passato ma spiegano il presente, dalle Torri gemelle alla neoguerra in Libano. Spielberg riflette sulla violenza, sulle vendette incrociate, sulle colpe e sulle prove che dovrebbero dimostrarle. Narrativamente Spielberg, rinuncia del tutto all’intrattenimento, mette in scena con uno stile asciutto, freddo come la fotografia usata (che un po’ ricorda Duel), con una regia da poliziesco anni settanta. L’aggettivo che meglio lo definisce è dolente, grazie anche alla magistrale interpretazione di Eric Bana. Insomma un film assolutamente non assolutorio, non conciliato, senza speranza.

[Munich (Usa 2005) Regia Steven Spielberg Sceneggiatura Eric Roth, Tony Kushner Con Eric Bana (Avner), Daniel Craig (Steve), Ciarán Hinds (Carl), Mathieu Kassovitz (Robert), Hanns Zischler (Hans), Ayelet Zurer (Daphna), Geoffrey Rush (Ephraim) Durata 164']

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!