Strade maestre

Stagione teatrale 2006-07 dei Cantieri Teatrali Koreja: il teatro fuori dal comune

Un cartellone teatrale a dimensione europea è il segno distintivo della stagione teatrale 2006-07 promossa dai Cantieri Teatrali Koreja di Lecce. Tante le presenze internazionali che affolleranno gli spazi di via Dorso in un alternarsi di poetiche, visioni, personaggi tra classicità e innovazione, tradizione e contemporaneità

“Un cartellone che guarda al futuro e ai movimenti che agitano la scena artistica contemporanea. Il meglio del teatro europeo arriva a Lecce – afferma Franco Ungaro, direttore organizzativo di Koreja – per una stagione fuori dal comune perché rispettiamo molto il pubblico ritenendolo capace di esercitare al meglio le sue capacità intellettive e critiche, evitando di somministrare la solita e mediocre paccottiglia televisiva. Ma è anche una stagione fuori dal Comune dovendo registrare ancora una volta il totale disimpegno del Comune di Lecce da un progetto culturale che i cittadini leccesi apprezzano sempre di più”. Sarà lo spettacolo “Il libro di Ester” con la straordinaria Iben Nagel Rasmussen ad inaugurare il 4 ottobre (con replica il 5) la residenza artistica dell’ “Odin Teatret in Puglia per i 70 anni di Eugenio Barba” e che il 13 ottobre porterà il regista salentino dentro i Cantieri Koreja in occasione della presentazione del volume di Franco Ungaro “Dimettersi dal Sud”. Tra gli altri spettacoli ”Sale” (6-7 ottobre) e “Le grandi città sotto la luna” (12-13 ottobre) Molto attesa la nuova tappa dello studio di Koreja su “Il calapranzi” di Harold Pinter per la regia di Salvatore Tramacere in una duplice (maschile e femminile) versione che vede in scena Fabrizio Saccomanno e Fabrizio Pugliese, Maria Rosaria Ponzetta e Angela De Gaetano (dal 27 ottobre al 3 novembre) Non c’è solo la Danimarca dell’Odin Teatret a rappresentare il teatro europeo perché altre prestigiose testimonianze arriveranno dalla Serbia (1 novembre prima nazionale con “La storia di Ronaldo pagliaccio del Mc Donald’s” , testo shock di Rodrigo Garcia messo in scena dal Little Theatre di Dusko Radovic, 3 novembre con le musiche rom del gruppo Earth Wheel Sky del carismatico Olah Vince, 4 e 5 maggio con le danze suggestive di Nhandan Chirco e Branko Popovic); dalla Spagna con le straordinarie e spiazzanti performance di Sonia Gomez “Mi madre y yo” 9 e 10 novembre e di Marta Galan “Lola + Machos” 11 e 12 novembre; dalla Francia con l’Association Woo di Lione e i virtuosismi del salentino Ennio Sammarco in anteprima nazionale in “TRIO POUR UN SOLO – every adidas has a story” 27 e 28 gennaio. All’insegna dell’incrocio fra differenti linguaggi artistici (danza, teatro, musica e arti visive) il programma presenta spettacoli che si sono segnalati all’attenzione del pubblico e della critica internazionale : Virgilio Sieni “Solo Goldberg improvisation” (16 novembre), Ariella Vidach, Elisa Barrucchieri, Barbara Toma con la sua nuova creazione “freedom” incentrata sulla follia, Scena Verticale con “Kitch Hamlet” (5 gennaio), Emma Dante e Sud Costa Occidentale con il bellissimo “Mishelle di Sant’Oliva” (12 e 13 gennaio), le contaminazioni sonore e visive del Tam Teatro di Padova “Al mattonificio – play concert”, allestimenti beckettiani di Pontedera Teatro con “Aspettando Godot” e “Finale di partita” del Teatrino Giullare (2-3 dicembre) premio della critica teatrale del 2006, Luca Toracca “Il Natale di Harry” (20 aprile), Werner Waas e Lea Barletti con un nuovo lavoro su Patti Smith “Bocca di cowboy” (27-28 aprile). Sono tre gli appuntamenti in abbonamento collegati con il cartellone “LecceTeatro” in partnership con il Teatro Pubblico Pugliese : il ritorno delle Belle Bandiere con due straordinari interpreti come Elena Bucci e Marco Sgrosso in “Macbeth” , l’attore Fabrizio Gifuni con “Na specie de cadavere lunghissimo” dedicato a Pier Paolo Pasolini, e l’atteso ritorno di un artista come Alfonso Santagata con “Il teatro comico” di Carlo Goldoni Non manca la sezione delle arti visive con mostre e installazioni curate per il secondo anno da Angela Serafino. Gli appunti possibili di Arti-col-azioni si concentrano sul senso dell’abitare, inteso questo nella sua configurazione poetica e progettuale. La rassegna ospita artisti, di diversa provenienza, che si misurano con il tema dello spazio, nella sua accezione antropologica di legame uomo-mondo, utilizzando linguaggi che vanno dal video, alla fotografia al design, senza trascurare la pittura. Dal 28 ottobre sino a maggio, il foyer sarà abitato dalle personali di: Giuseppe Scarciglia, Stefania Alemanno, Cristina Cary, Daniela Zampagliene (artista venezuelana), Adalgisa Romano, Marzia Quarta e Dragan Rajsic. I sabato pomeriggio saranno invece dedicati al PUGLIA SHOW, incontri e visioni dalla Puglia coordinati da Mauro Marino del Fondo Verri, un ciclo di incontri aperto alle nuove voci pugliesi dopo l’esperienza dello scorso anno con la tradizione letteraria. Tra gli autori: Giancarlo De Cataldo, Gianrico Carofiglio, Elisabetta Liguori, Enzo Mansueto, Vittorino Curci, Rocco Aprile. Tra le visioni: Gianni De Blasi, Mattia Soranzo, Francesco Giuseppe Raganato. Novità assoluta della stagione è il lancio di una Mini card ctk che consente di assistere a 3 spettacoli a scelta (previa prenotazione) Minicardctk intera: 25 euro Minicardctk ridotta (ridotto under 25 e over 60): 18 euro Abbonamento CTK: 10 spettacoli a scelta ai Cantieri Teatrali Abbonamento intero: 80 euro Abbonamento ridotto (ridotto under 25 e over 60): 56 euro Ingresso agli spettacoli: 10 euro (intero) e 7 (ridotto under 25 e over 60) INFORMAZIONI Koreja 0832.242000 – 240752 e-mail: [email protected] www.teatrokoreja.com

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!