Polizia ambientale. Il pattugliamento dà i primi frutti

Casarano. Individuati alcuni responsabili di abbandono di rifiuti in periferia. Il sindaco: ‘Serve la collaborazione di tutti’

CASARANO – Inizia a dare i primi frutti, a Casarano, il servizio di pattugliamento del territorio a cura della Polizia Municipale. In Comando ha fatto sapere di aver individuato alcuni responsabili di abbandono di rifiuti nelle contrade di campagna che, dunque, saranno perseguiti secondo la legge. Il servizio di pattugliamento si sta svolgendo negli orari in cui tendono a concentrarsi le violazioni in tema ambientale, con la capillare presenza degli agenti, in particolare nelle zone periferiche della città. Il progetto di polizia ambientale, è stato attuato dall’Amministrazione comunale su spinta dell’assessore alla Salvaguardia dell’ambiente Ottavio De Nuzzo e del vicesindaco ed assessore alla Polizia Municipale Adamo Fracasso. “Esprimo viva soddisfazione – ha commentato il sindaco Gianni Stefàno – per i primi risultati raggiunti dal Progetto di Polizia Ambientale messo in campo da questa Amministrazione. Sono stati individuati i primi responsabili di questi reati perpetrati ai danni dell’ambiente e ci auguriamo che ciò sia da deterrente per evitare che se ne commettano altri. Non è più tollerabile che le zone periferiche della città diventino delle discariche a cielo aperto di rifiuti pericolosi. Ora che i risultati iniziano ad arrivare, chiediamo alla cittadinanza ancora più collaborazione con le Forze di Polizia Municipale per fornire loro qualsiasi informazione utile per consentire l’individuazione dei responsabili”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!