Parcheggi: finalmente l'avviso bonario

Codacons: “Un atto nella giusta direzione che, si spera, sia presto seguito da altri importanti passi verso i cittadini e da una celerità nell’attuazione della delibera”

Piero Mongelli, responsabile per il Codacons della sede di Lecce fa sapere che finalmente verrà introdotto l'avviso bonario per la gestione della sosta, che sarà un importante strumento di intermediazione tra i cittadini e gli operatori addetti al servizio

“Seppure appare chiara la volontà di far partire il servizio dell'avviso bonario a ridosso della tornata elettorale del 2007 (sono infatti previsti altri tre mesi per la partenza definitiva del servizio) non si può che esprimere la propria soddisfazione per una decisione tanto travagliata e tanto attesa. Fin dall’inizio il Codacons di Lecce non comprendeva le remore giuridiche ed economiche frapposte ad un provvedimento che aveva solo vantaggi e che instaurava un rapporto equilibrato, corretto e trasparente con i cittadini e con gli automobilisti leccesi. Il sistema dell'avviso bonario, infatti, da un lato consentirà un notevole risparmio a molte famiglie leccesi (senza che ciò comporti alcun deficit economico per il comune e per la Sgm) e dall’altro rasserenerà gli animi in una città che ha conosciuto fin troppi conflitti tra gli operatori della sosta ed i cittadini e tra questi ultimi ed una amministrazione che negli anni di governo si è molte volte dimostrata sorda ed insensibile alle istanze provenienti dalle associazioni di difesa dei consumatori e degli utenti. Inserito in un nuovo concetto di mobilità, con il potenziamento del trasporto urbano pubblico, l’eliminazione delle circolari, il potenziamento delle aree di sosta periferica anche in termini di servizi, l’avviso bonario non potrà che migliorare la gestione del traffico cittadino in un corretto rapporto con l’utenza. Il Codacons di Lecce, infine, da atto che tale risultato è dovuto non solo all’azione stimolante dell’opposizione di centrosinistra ma anche alla caparbietà del consigliere Roberto Martella cui deve riconoscersi, in questa occasione, coerenza amministrativa e spirito di sacrificio anche personale. Infatti, l’impressione è che grazie alla sua azione questa amministrazione è stata prima convinta e poi “costretta” ad adottare l'avviso bonario. Dimostrando così che la buona azione amministrativa non può e non deve avere colorazione politica ma deve essere il frutto dell’impegno degli uomini e delle donne che hanno l’onore di rappresentare i cittadini in consiglio comunale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!