Primarie, ha vinto Rotundo

Oltre 12mila alle urne. E un risultato che non stupisce più di tanto

L’Unione ha scelto: Antonio Rotundo, l’onorevole dei Ds, sarà il candidato sindaco del centrosinistra alle elezioni comunali di Lecce del prossimo anno. Il verdetto è arrivato nella mezzanotte di domenica: Antonio Rotundo, l’ex parlamentare dei Ds il più votato. Seguono Loredana Capone, Giampiero Corvaglia, Piero Manni e Beppe D'Ercole

Oltre 12mila leccesi domenica 17 settembre hanno letteralmente invaso l’hotel Tiziano di Lecce per esprimere la loro preferenza in occasione delle Primarie del centrosinistra. E il maggior numero di voti, 4729, pari al 40 per cento dei consensi, è andato ad Antonio Rotundo, l’onorevole dei Ds, che sarà il candidato sindaco nelle prossime elezioni del Comune di Lecce. Così ha deciso il popolo delle primarie. Dietro di lui, ha conseguito un risultato non indifferente Loredana Capone, vicepresidente della Provincia, che era stata indicata dalla Margherita. Per lei 3803 voti, il 31 per cento, un buon risultato dato che la Capone, in questa campagna, è stata sostenuta solo dal suo partito. A differenza di Rotundo, sostenuto invece, oltre che dai Democratici di sinistra, anche da altre formazioni politiche come i Verdi, la Rosa nel Pugno e i Comunisti italiani. Al terzo posto, Giampiero Corvaglia con 2727 voti (21 per cento delle preferenze). Seguono ancora Piero Manni, consigliere regionale indipendente di Rifondazione comunista, che con 360 voti ha ottenuto il 3 per cento dei consensi, e Beppe D’Ercole, che aveva raccolto la sfida della candidatura a sindaco sostenuto dall’associazione “Vivere Lecce”, e con 281 voti si è fermato al 2,5 per cento delle preferenze. E da oggi spetta ad Antonio Rotundo il compito di riunire gli altri quattro candidati per preparare la coalizione di centrosinistra in vista delle elezioni comunali che interesseranno il capoluogo salentino il prossimo anno.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!