Casarano: all’Arena Moderna per parcheggiare

Si riapre il vecchio progetto

Nell’ultimo consiglio comunale si è ritornato a discutere il progetto sulla realizzazione di parcheggi nell’area dell’Arena Moderna. Ma i presenti non si sono trovati d’accordo

Il progetto relativo alla realizzazione dei parcheggi dell’Arena Moderna sarà “aperto”. L’amministrazione civica, all’indomani del voto favorevole in consiglio comunale, che ha deliberato l’acquisizione al patrimonio pubblico dell’ex cinema, si dichiara favorevole ad accogliere eventuali soluzioni migliorative del progetto, andando incontro alle esigenze dei gruppi di opposizione che non hanno lesinato proposte in merito durante il dibattito. Il progetto, per la cui realizzazione è prevista una spesa di 825mila euro, è ancora nella fase embrionale ed è considerato strategico dall’esecutivo per la futura viabilità nel centro storico. Il progetto prevede l’abbattimento di gran parte dell’attuale struttura, situata tra via Padova, via Petrarca e via Roma e da diverso tempo in stato di abbandono, e la realizzazione di due piani destinati a verde e parcheggi. In particolare, il piano interrato, che avrà ingresso in via Padova, sarà destinato solo a parcheggi per le auto; mentre il piano terra, con ingresso da via Petrarca, sarà una zona mista verde-parcheggi simile a quella di piazza Giovanni XXIII, presso l’ospedale: un albero, un’auto. L’ex Arena Moderna, aperta fino ai primi anni ’70, occupa un’area di circa 800 metri quadrati che diventano circa mille se si aggiunge il vicolo adiacente. Durante il dibattito in consiglio comunale non tutti i membri dell’assemblea hanno sostenuto il progetto. Rocco Greco (Ds) e Amedeo Sabato (Udeur), entrambi consiglieri di maggioranza, hanno espresso forti perplessità sulla linea dell’amministrazione comunale e non hanno votato. Le forze di opposizione si sono astenute. “Siamo favorevoli all’acquisto dell’area – ha spiegato Francesco Capezza (Casarano Amica) – ma non siamo favorevoli al parcheggio. In ogni città d’Italia le amministrazioni civiche cercano di togliere le auto dai centri storici – osserva l’esponente di opposizione – qui invece si tende a fare il contrario”. Il gruppo che fa capo a Leda Schirinzi ha chiesto che il progetto venga migliorato, intensificando il verde e lasciando “lo schermo dell’ex cinema in modo che l’area diventi un luogo di socializzazione”. Il sindaco, Remigio Venuti, ha assicurato che il piano terra del futuro parcheggio diventerà “uno spazio destinato agli spettacoli e tra questi anche il cinema”, confermando indirettamente l’intenzione dei tecnici di non abbattere il grande schermo in pietra dell’ex Arena Moderna.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!