Italia e Albania insieme nel segno della danza

Gemellaggio artistico-culturale

Ad Argirocastro grande spettacolo di danza del Balletto Regionale Pugliese. L'obiettivo è creare un ponte tra le due sponde dell’Adriatico

Il Balletto Regionale Pugliese ha promosso un gemellaggio artistico-culturale tra Italia e Albania che vedrà insieme i Comuni di Lecce e Argirocastro, l’Agenzia per il Patrimonio Culturale Euromediterraneo e la Scuola del Balletto di Argirocastro. L’evento prende il nome di La journee de la danse (proclamata dal Conseil Internationale de la Danse – Unesco) ed è in programma nelle giornate di oggi 5 ottobre, sabato 6 e domenica 7 e si svolgerà presso il Teatro “Zihni Sako” di Argirocastro (Albania). L’obiettivo è promuovere ed intensificare forme di partenariato e di reciprocità con i Paesi del Mediterraneo, con i quali la Puglia condivide radici ed affinità culturali, ed in particolare creare un ponte di conoscenza “coreutica” tra Italia e Albania. Nel corso delle tre giornate sono in programma incontri con studenti albanesi, workshop, proiezioni, un concerto di danza e musica italo-albanese (con gli allievi del Balletto Regionale Pugliese diretto dalle maestre Maria Rosaria Di Lecce e Veronica Frisotti e con gruppi albanesi e gli Arakne Mediterranea), uno spettacolo di danza popolare e la consegna del premio alla carriera alla etoile internazionale e prima ballerina del Teatro dell’Opera di Roma Diana Ferrara. In più ci sarà la cerimonia di premiazione di un allievo albanese con una borsa di studio (frequenza di un mese presso la scuola del Balletto Regionale Pugliese a Lecce). Alla manifestazione interverranno Adriana Poli Bortone, vicesindaco, assessore alla Cultura e presidente dell’Agenzia per il Patrimonio Culturale Euromediterraneo e le altre autorità albanesi e italiane.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!