Vernissage per la Salento d’amare

Al “William Ingrosso”di Taviano la formazione di Roberto Masciarelli per la prima volta in casa nella nuova stagione agonistica per l’amichevole con l’Abasan Bari

Per la Taviano Volley, sabato 16 settembre, la gara d’esordio, la presentazione ai tifosi del team giallo-rosso, la presidenza onoraria del club a Lorenzo Ria, ex presidente della Provincia di Lecce e grande tifoso del gruppo allenato da Masciarelli

Giornata di presentazioni, quella di sabato 16 settembre per la Salento d'amare Taviano. Al “William Ingrosso” di via Pier Santi Mattarella, alle ore 18 la formazione di Roberto Masciarelli scende in campo per la prima volta “in casa” in questa nuova stagione. In programma l'amichevole con l'Abasan Bari, team contro il quale poco più di una settimana fa i salentini disputarono la vincente finale per il terzo e quarto posto del Memorial Falco di Locorotondo. Per la gara d'esordio a Taviano, Masciarelli conta di poter recuperare tutto l'organico a sua disposizione, considerato che negli ultimi tempi la squadra ha subito diverse perdite dovute ad infortuni. Concluso il match amichevole contro i baresi, il team salentino si presenterà ai suoi tifosi in largo Convento alle 21. Sul palco saliranno tutti gli atleti giallo-rossi, i quadri tecnici, la società. Nutrito soprattutto il parterre degli ospiti. Con quella di Salvatore D’Argento, sindaco di Taviano e Rocco D’Argento, assessore allo sport della città dei fiori. Prevista anche la presenza di Salvatore Capone, assessore allo sport della provincia di Lecce in rappresentanza dello sponsor istituzionale di Taviano “Salento d'amare”. Domani sarà l'occasione per attribuire la carica della presidenza onoraria all'onorevole Lorenzo Ria, già sindaco di Taviano ed ex presidente della provincia di Lecce, grande appassionato di volley e tifosissimo della Salento d'amare. “L'attribuzione della presidenza onoraria del nostro club – dice Donato Bruno, patron della squadra – premia l'impegno istituzionale che Lorenzo Ria ha profuso nei confronti della nostra società, ed è anche il riconoscimento delle sue grandi doti umane e professionali”.

Leave a Comment