L’alberghiero a Poggiardo

Al fine di risolvere i problemi di carenza di spazi, per l’anno scolastico 2006/07 verrà istituita una sede dell’istituto Alberghiero di Santa Cesarea Terme nel Comune di Poggiardo

La notizia è arrivata pochi giorni fa, a renderla nota lo stesso primo cittadino di Poggiardo, Silvio Astore. Nell’edificio di Via Don Sturzo,verranno trasferite le classi prime e seconde dell’Istituto Alberghiero di S. Cesarea Terme

«Il trasferimento a Poggiardo di una ventina di classi di questo Istituto, con oltre 300 alunni coinvolti, rappresenta una valida soluzione al grave problema della carenza di spazi da destinare alla pubblica istruzione, una situazione che provoca serie ripercussioni sull’intero territorio salentino, coinvolgendo direttamente i comuni ove hanno sede gli istituti scolastici, ma indirettamente anche tutti gli altri comuni dai quali proviene la popolazione scolastica. Nel contempo questa soluzione rappresenta anche una importate risorsa economica per il territorio cittadino, considerata la notevole affluenza di docenti, studenti e loro familiari», dichiara Silvio Astore, sindaco di Poggiardo. «Questo risultato infine premia il costante e premuroso impegno dell’amministrazione comunale di Poggiardo che, con ripetute richieste inoltrate agli organi competenti nel periodo 2003-2006, ha presentato istanze di utilizzo dell’immobile di Don Sturzo a fini didattici». «È una grande soddisfazione per la mia città poter accogliere, con l’inizio di questo anno scolastico, le classi prime e seconde dell’Istituto Alberghiero di S. Cesarea Terme», aggiunge Domenico Tarantino, assessore alla Pubblica istruzione. «L’amministrazione comunale di Poggiardo, che tanto impegno ha profuso in questi ultimi anni per il raggiungimento di questo importante risultato, assicura alla dirigenza dell’Istituto e agli studenti interessati la massima disponibilità per garantire la migliore permanenza nel comune salentino».

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!