[DVD] Romanzo Criminale

Uno dei più bei romanzi italiani degli ultimi anni. Una storia che svela l’anima nera di una nazione. Un manipolo di attori giovani e bravissimi. È con questi elementi che Placido si è messo a girare Romanzo Criminale e il risultato è apprezzabile.

A Roma, negli anni '70, il Libanese, il Freddo e il Dandi, tre giovani criminali da strapazzo, si uniscono per controllare il territorio. Dal sequestro del barone Rosellini al controllo del traffico dell'eroina, mettono in piedi una organizzazione criminale che ha la protezione della mafia e dei politici. Un racconto tra vero e falso che ripercorre la storia della Banda della Magliana. Il romanzo di Giancarlo De Cataldo è troppo lungo e complesso per poter essere agevolmente ridotto in due ore di film: una cavalcata in 10 anni e passa di storia italiana, mescolando piccola e grande criminalità, terrorismo politico, cultura mafiosa, poteri deviati dello Stato. Ed è proprio nella riduzione di questa complessità che, soprattutto nella seconda parte, il flm in parte fallisce. Troppi personaggi non hanno il tempo di svilupparsi, troppe sottotrame restano appena accennate. Forse ci sarebbe voluto un coraggio maggiore, così da semplificare ancora di più il romanzo, dando al film uno svolgimento più fluido e armonico. Peccato, perché la regia di Placido è solida ed originale, tra C’era una volta in America e i polizieschi italiani anni 70, il tutto impreziosito dalla incredibile fotografia di Luca Bigazzi. Gli attori sono tutti molto bravi, Kim Rossi Stuart e Pierfrancesco Favino sopra tutti, tanto bravi da farci sopportare perfino Accorsi 🙂

[Romanzo criminale(Italia 2005) Regia Michele Placido Sceneggiatura Sandro Petraglia, Stefano Rulli, Giancarlo De Cataldo, Miche Fotografia Luca Bigazzi Con Kim Rossi Stuart (il Freddo), Anna Mouglalis (Patrizia), Pierfrancesco Favino (il Libanese), Claudio Santamaria (il Dandi), Riccardo Scamarcio (il Nero), Stefano Accorsi (commissario Scialoja), Jasmine Trinca (Roberta) Durata 152']

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!