Leggere la legge contro la violenza sessuale

La scuola politica promossa dall’Udi, Unione donne italiane, approfondisce la legge che ha permesso alle donne di denunciare abusi e violenze

A Casamassella, frazione di Uggiano La Chiesa, un corso di tre giorni per leggere politicamente la legge contro la violenza sessuale

L’invito è rivolto a tutte le donne da parte dell’Udi, Unione donne italiane, che a Casamassella, dall’1 al 3 settembre ha organizzato un corso presso la tenuta della fondazione “Le costantine”. La scuola, riservata alle iscritte ed alle donne interessate, è promossa dalla sede nazionale dell’Udi – Archivio nazionale e dalla sede di Soleto “Udi Macàre”. Il corso ripercorrerà l’azione politica dell’associazione, nata nel 1944, dal 1978 agli anni Ottanta. In quel periodo, l’Udi ha lavorato con gli stessi gruppi femministi con cui ha lottato per la legge sull’aborto e per i consultori e per la legge di iniziativa popolare contro la violenza sessuale. Una legge che – interpretata non più come reato contro il pudore ma contro la persona – ha, già prima ancora di essere modificata ed infine definitivamente approvata nel 1996, profondamente inciso sulla mentalità del nostro paese, perchè ha consentito alle donne di denunciare un abuso o una violenza senza paura di passare per istigatrici o perdenti. «Con questo corso», spiega Pina Nuzzo, delegata della sede nazionale dell’Udi, «vogliamo raccontare la storia di una legge, definitivamente approvata nel 1996, il cui iter corrisponde anche a un periodo di significativi cambiamenti in Italia, ad una modalità della politica dell’Udi ed alle vicende del movimento delle donne nel suo complesso. Attraverso fonti, documenti, testimonianze, proveremo a ricostruire il contesto che ha fatto da humus ad un percorso legislativo per molti versi singolare. Il lunghissimo iter di questa legge», aggiunge «dimostra due cose: per incidere sulla scena pubblica senza farsi prendere dalla stanchezza, o peggio, dal disamore della politica, alle donne non occorrono ragioni, in questo caso, oltre che fondatissime, diffusamente condivise, ma sentimenti, come la costanza e la fedeltà. Ciò nonostante, la qualità di un processo culturale e politico produce più trasformazioni del suo esito giuridico. A partire da quel testo che è il corpo delle donne a vario titolo implicate in questa narrazione, proveremo ad incrociare i nostri sguardi, riconoscerci comunque responsabili del nostro presente e comunque titolari della sua rappresentazione, per smascherare anche oggi la violenza, subita dalle donne, ovunque si annidi ed in qualunque forma, anche dissimulata, si presenti, convinte che il solo fatto di nominarla trasformi le vittime in testimoni». La scuola è stata promossa grazie al contributo del Comune di Uggiano La Chiesa e del sindaco Maria Cristina Rizzo, oltre che con il contributo delle imprenditrici del Salento. Per informazioni: Leggere una legge Scuola politica dell’Udi 2006 Segreteria organizzativa Udi Macare – Soleto (Le) Milena Carone – cell. 320.0149928 e-mail: [email protected]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!