Addio Gallipoli!

Il premio Barocco cambia la sua scenografia: sarà Lecce la cornice di una delle più importanti kermesse salentine

Intesa definitiva tra gli organizzatori dell’evento ed il Comune di Lecce: la nuova location, per la diretta televisiva, sarà l’area del “Carlo Pranzo”

E il premio Barocco dice addio a Gallipoli! Giunta ormai alla sua 38° edizione, la kermesse più in vista del Salento cambia scenario. È stata, infatti, raggiunta un’intesa tra gli organizzatori e il Comune di Lecce – con il aosta della stessa Rai, che nei giorni scorsi ha effettuato diversi sopralluoghi – in base alla quale l’area del “Carlo Pranzo” sarà la nuova location dell’evento. Sita tra Porta Napoli e l’incrocio che porta alla superstrada di Brindisi, è il luogo ideale, a detta di Fernando Cartenì, patron della manifestazione, in quanto «se Lecce è la città del Barocco per eccellenza, vuol dire che è la sua collocazione ideale: quale cornice migliore per una manifestazione da sempre legata al territorio, al patrimonio artistico ed all’immagine di un Salento capace di fare bella mostra di sè davanti ad almeno cinque milioni di telespettatori». A Galatina, in una specie di sdoppiamento geografico, inoltre, è previsto, negli spazi del quartiere fieristico, il “Barocco in pop”, una sorta di prima puntata dell’evento, che mira a coinvolgere i giovani, con la presenza di artisti e musicisti pop.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!