Partono i lavori di restauro per S. Chiara

Con il contributo della famiglia Quarta, partono i lavori di restauro dell’opera più grande mai sovvenzionata da privati

Al via il restauro per la tela dell’altare maggiore della chiesa di Santa Chiara in Lecce

In occasione della messa di suffragio in memoria del Cavaliere del Lavoro Gaetano Quarta, che si svolgerà stasera alle ore 19,30 presso la chiesa di Santa Chiara in Lecce, sarà ufficializzato l’incarico per il restauro del dipinto ad olio su tela – raffigurante “S. Chiara con i SS. Pasquale, Biagio e Filomena in atto di adorare l’Eucaristia” – posto sopra l’altare maggiore della chiesa di S. Chiara in Lecce. L’opera è di Giovanni Stano, la cui produzione pittorica è molto apprezzata da amatori e cultori d’arte. L’importanza della tela si evince dalla collocazione sopra l’altare maggiore oltre che dalle ragguardevoli dimensioni, cm 390×350, che la rendono l’opera più grande mai restaurata da privati in Puglia. Lo stato di conservazione è particolarmente critico. Il dipinto, corredato da una semplice cornice lignea dorata, ha ampie perdite e distacchi di colore e preparazione su gran parte della raffigurazione. I lavori, con l’autorizzazione della Sovrintendenza per i Beni Culturali di Lecce, inizieranno entro la fine dell’estate e saranno effettuati dalla restauratrice Francesca Romana Melodia. La tela, dopo essere stata rimossa dalla sua collocazione originale, sarà ospitata presso l’Accademia di Belle Arti di Lecce consentendo così a numerosi studenti del Corso di Conservazione e Restauro di poter seguire lo svolgimento delle operazioni di recupero. “Questo intervento” sostiene Antonio Quarta – Amministratore Unico dell’Azienda – “si aggiunge all’impegno a tutto campo che la famiglia e l’azienda effettuano nel territorio salentino. Da sempre sosteniamo e promuoviamo il concetto di impresa a “Sistema aperto” attraverso la promozione e lo sviluppo di importanti iniziative di marketing territoriale sia nel campo ambientale che artistico-culturale e sociale, realizzando numerosi progetti la cui finalità è quella di dedicare risorse al nostro territorio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!