PER.-NA.-TUR.: chiamatelo turismo eco-sostenibile

Approvato dalle regione Puglia il progetto presentato dal comune di Andrano

Pubblicata la graduatoria definitiva dei progetti ammessi al finanziamento, oltre quattro milioni di euro, per l’integrazione e la cooperazione turistica tra Italia e Albania

Il comune di Andrano, referente principale per l’unione costituita dai comuni di Spongano, Diso, Castro e Santa Cesarea Terme ha presentato un progetto definitivamente approvato dalla Regione. Si chiama “PER.-NA.-TUR”, cioè Percorsi Naturalistici Turistici e riguarda l’individuazione e la realizzazione di percorsi naturalistici turistici alternativi in grado di sviluppare un turismo ecosostenibile. Prevista, inoltre, la strutturazione di una rete integrata tra i principali attori pubblici e privati operanti nel settore turistico sia sul versante adriatico salentino sia su quello albanese. Nelle proposte l’identificazione di un percorso tematico naturalistico-culturale e ippoviario;la creazione di una rete tra tutti gli operatori interessati, l’organizzazione di eventi locali, transfrontalieri e nazionali al fine di promuovere l’attività svolta;tutto ciò ovviamente con l’intento di creare un sorta di organizzazione e di network degli operatori turistici per un incremento della presenza turistica e l’avvio di un’azione pilota eco-sostenibile che protegga e rivaluti il patrimonio culturale e storico. I partners coinvolti in questo importante progetto sono particolarmente qualificati per sostenere il programma e per raggiungere i risultati previsti, ovvero il dipartimento scienze e tecnologie biologiche e ambientali dell’università di Lecce;la struttura termale di Santa Cesarea Terme, il dipartimento affari regionali, per la presidenza del consiglio dei ministri, l’università degli studi di Valona, i comuni di Orikum e di Nartë (Albania). Verrà realizzato in tal modo un percorso naturalistico-culturale da effettuarsi a piedi, in bicicletta/mountain bike o a cavallo che, partendo da Andrano, si snoderà attraverso i territori di Spongano, Diso, Castro e Santa Cesarea Terme, per l’Italia e Orikum e Narte, per l’Albania.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!