Musei :ecco i fondi

Nuovi finanziamenti per i musei del Salento riguardanti anche la ristrutturazione dell’ex convitto Palmieri di Lecce

L’obiettivo è la formazione di un sistema museale che creerà una rete interattiva tra i comuni, le diocesi e la provincia

Lo ha comunicato Domenico Lomelo, assessore al diritto e allo studio settore beni culturali della regione, a Giovanni Pellegrino, presidente della provincia di Lecce. Grazie ai nuovi fondi verrà introdotta una novità sostanziale fortemente voluta da palazzo dei Celestini: l’intervento è finalizzato alla creazione di una rete intorno e con il Museo “Sigismondo Castromediano”. Saranno finanziamenti diretti al riallestimento di nuove sale, strutture, vetrine, in particolare per il museo provinciale, includeranno inoltre l’ampliamento dei laboratori di restauro. Gli interventi riguarderanno anche i musei delle quattro diocesi (Lecce, Nardò-Gallipoli, Otranto e Ugento) e i tre musei civici di Corigliano d’Otranto, Cavallino e Galatone. Per quanto riguarda l’ex Convitto Palmieri di Lecce, si tratta di un doppio finanziamento: uno per il completamento del progetto di restauro e recupero (con accordo di programma quadro “Beni ed attività culturali”) l’altro per la sistemazione degli spazi di pertinenza con valorizzazione degli scavi archeologici e recupero di piccolo fabbricato. Quest’ ulteriore finanziamento permetterà di sistemare definitivamente il cortile interno, attualmente in stato di abbandono ed, inoltre di avviare una campagna di scavi archeologici, necessaria per il ritrovamento di reperti messapici. Si dichiara soddisfatto il presidente Giovanni Pellegrino: “Valorizzare il patrimonio storico, artistico e culturale continua ad essere una priorità per questa terra. Continuiamo così a svolgere il nostro ruolo negli interventi di salvaguardia di quello di cui il Salento è ricco ed oggi sempre più orgoglioso”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!