Viaggiando a Sud Est

La Puglia attraverso gli occhi di un settentrionale

Un viaggio nel tacco d’Italia, la Puglia, regione sospesa tra mille contraddizioni, tra la voglia di rinnovamento e la tradizione: è “Sud Est: Vagabondaggi estivi di un settentrionale in Puglia”, con prefazione del sociologo Franco Cassano.

Il nuovo libro del giornalista Marco Brando nasce da un’inchiesta condotta nelle estati del 2004 e del 2005 sulle colonne del “Corriere del Mezzogiorno”, allegato di cronaca pugliese al Corriere della Sera. Due itinerari principali, lungo la costa e nell’interno, “dentro” la Puglia autentica, e due “fuori rotta” un viaggio notturno insieme ai pescatori di Molfetta e una “traversata” lungo i percorsi delle Ferrovie Sud-Est. Un viaggio tra storia e costume, tra il fascino della costa e gli scempi dell’abusivismo, tra i pregi e i difetti del territorio e dei pugliesi. La prefazione del sociologo Franco Cassano illustra magistralmente come Marco Brando abbia saputo cogliere le due anime di questa straordinaria regione, sospesa tra l’essere la “California del sud” e il ripiegarsi nell’immobilismo, definendola “l’eterna incompiuta”. Il volume, edito da Palomar, sarà distribuito in tutte le librerie d’Italia. Marco Brando, genovese di nascita, ha conosciuto la Puglia per motivi di lavoro. Giornalista, ha cominciato a scrivere per “L’Unità” come corrispondente da Pavia, per poi passare alla redazione di Milano, dedicandosi soprattutto alla cronaca giudiziaria e all’inchiesta “Mani pulite”. Dopo un’esperienza come autore del programma “Film Dossier – Linea d’Ombra” e dopo aver lavorato per “Tv Sorrisi e Canzoni” al novembre 2000 lavora nella redazione di Bari del Corriere del Mezzogiorno, dove risponde anche ai lettori nella pagina “Lettere – La voce del cittadino”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!