Emergenza caldo: partono gli aiuti

Acqua, frutta, verdura gratis per gli anziani indigenti della città di Lecce

Una nuova iniziativa prevede la distribuzione gratuita di acqua, frutta e verdura agli anziani indigenti della città a sostegno di una delle fasce più deboli e più dimenticate della popolazione

Aiutare gli anziani a fronteggiare il grande caldo, i problemi e i disagi che la stagione estiva, puntualmente, ogni anno, comporta per questa fascia così vulnerabile della popolazione. Questo l’obiettivo che si propone il nuovo servizio di distribuzione gratuita di quantitativi di acqua, frutta e verdura agli anziani della città di Lecce promosso dall’Assessorato per l’Assistenza e Servizi agli Anziani. Una iniziativa integrata, inoltre, dall’assistenza domiciliare, dal servizio che prevede l’accompagnamento al mare o in piscina per i corsi di ginnastica dolce e dalla fornitura di farmaci. «Quella della distribuzione di acqua, frutta e verdura agli anziani leccesi indigenti è solo l’ultima in ordine di tempo delle iniziative che rendiamo concrete per i nostri nonni» afferma Francesca Mariano, l’assessore con delega all’assistenza e servizi agli anziani. «È una categoria spesso dimenticata e che non vive sempre nelle condizioni migliori, per questo – conclude l’assessore – accogliamo con favore gli inviti dell’On. Lisi alle amministrazioni comunali del territorio a fare quanto possibile in favore degli anziani. Del resto fa parte della nostra cultura di partito». L’assessorato, infatti, è già alle prese con i preparativi per la Festa del Nonno prevista per il 2 ottobre, in cui avrà luogo, tra le tante iniziative, il concorso per i dieci nonni più meritevoli d’Italia e per il quale l’amministrazione comunale leccese si impegna a segnalare gli anziani della città. Una serie di interventi, quindi, volti ad aiutare questa categoria non solo nei mesi estivi, ma anche e soprattutto a migliorarne la qualità della vita e a restituire così agli anziani il ruolo di protagonisti attivi nella vita sociale della nostra provincia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!