Ricamo e cucito dietro le sbarre

Loredana Capone incontra le detenute per un primo bilancio del corso di formazione

La vicepresidente della provincia di Lecce nella Casa Circondariale di Borgo San Nicola. Le detenute aderenti al corso di formazione “cucito e ricami dietro le sbarre: donne in primo piano” avranno, alla fina del corso, una preparazione completa in materia finalizzata al lavoro reale

La vicepresidente della Provincia di Lecce con delega alle Pari Opportunità, Loredana Capone incontra, nella Casa Circondariale di Borgo San Nicola, le detenute che stanno partecipando al corso di formazione “Cucito e ricami dietro le sbarre: donne in primo piano”, promosso da Officina Creativa e Ribes srl e finanziato dall’Assessorato provinciale alle Pari Opportunità, con la sponsorizzazione del Monte dei Paschi di Siena. All’incontro, occasione per fare un primo bilancio dell’esperienza, in vista della pausa di agosto, hanno partecipato la direttrice della Casa circondariale Anna Maria Piccinni e l’ ideatrice del progetto Luciana Delle Donne. Il corso, che riprenderà a settembre, è articolato in nove moduli che consentiranno alle dieci detenute frequentanti di avere una preparazione completa nell’arte del ricamo e del cucito ma soprattutto, finalizzata al lavoro reale. Le detenute, infatti, realizzeranno capi per Ape Melandra Moving Shop di Valeria Ferlini, che a Milano ha realizzato con successo una iniziativa simile nel carcere di San Vittore; costumi di scena per la scuola e la compagnia di danza Skenè di Patrizia Rucco; capi artistici ed originali “delle acrobazie delle parole” per Fantadesign di Valentina D’Andrea. In Italia i corsi attivati negli istituti di pena, dove si contano 54.788 detenuti, contano solo 7127 iscritti. Oltre il 50% della popolazione carceraria non ha assolto l’obbligo scolastico e ha tra i 18 e i 35 anni. Solo l’0,84 ha una laurea, il 3,67 un diploma di scuola media superiore, il 35,64 la licenza media, mentre il 3,5 un titolo professionale (dati aggiornati al 2004.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!