Ricordando Marcinelle

Il Salento rimpiange i suoi caduti a 50 anni dalla tragedia

Mercoledì 19 luglio il consiglio provinciale ha ricordato l’evento con una seduta straordinaria aperta. “Via” dei Cantieri Teatrali Koreja sara’ rappresentato nella sala consiliare di palazzo dei Celestini

Evento speciale per celebrare una ricorrenza straordinaria: i cinquant’anni della tragedia di Marcinelle dove l’8 agosto del 1956 morirono 262 minatori, di cui 136 italiani, tra i quali numerosi salentini. Per commemorare la tragica ricorrenza il Consiglio Provinciale ha tenuto una seduta straordinaria aperta, con la partecipazione dei sindaci dei Comuni della Provincia di Lecce: Alezio, Carpignano Salentino, Gagliano del Capo, Melissano, Racale, Salice Salentino, Taurisano, Tuglie, da cui provenivano le 15 vittime della tragedia belga. Hanno partecipato all’assemblea provinciale anche rappresentanti delle associazioni di emigranti, familiari e testimoni per ricordare quella vicenda che tante ferite ha lasciato nella memoria e nella vita delle famiglie salentine. Per l’occasione la Provincia di Lecce ha consegnato una targa con i nomi dei minatori caduti a Marcinelle, a testimonianza di una condivisione di impegno e sensibilità verso gli emigrati. La ricorrenza è ancora più straordinaria per il fatto che per la prima volta in una sede istituzionale arriva lo spettacolo ‘VIA epopea di una migrazione’ dei Cantieri Teatrali Koreja.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!