Spazi pubblici a Casarano: nuova polemica

Scendono in campo i comunisti

Il sindaco Venuti non concede il Centro Anziani per un dibattito sul Referendum. Ed in città è di nuovo caso-spazi pubblici

Nuovo caso di negazione, a Casarano, degli spazi pubblici alle forze politiche con susseguente polemica. Dopo Alleanza Nazionale, infatti, stavolta ad attaccare Palazzo dei Domenicani è la sezione “Peppino Impastato” di Rifondazione Comunista. Il partito della sinistra, con una nota diffusa sabato scorso, “esprime tutto il suo rammarico per la mancata concessione dello spazio del Centro Anziani”. L’iniziativa politica, programmata insieme al circolo Arci “Cantieri Aperti” per il 6 luglio scorso, serviva agli esponenti di Prc per sviluppare un dibattito di ringraziamento per il referendum costituzionale. L’autorizzazione, però, è stata concessa solo all’associazione “Cantieri Aperti” limitatamente all’aspetto ludico dell’iniziativa. “L'incapacità di questa amministrazione di utilizzare momenti politico-culturali per rivalutare luoghi e spazi completamente abbandonati a se stessi – recita la nota – sfiora l'incredibile. Inoltre allontana sempre di più le posizioni del nostro partito da questa gestione amministrativa che non ha più a di sinistra. La partecipazione, la libertà e la sburocratizzazione sono fuori dalla filosofia di questa amministrazione, che pur essendo composta da diverse anime e persone, tende a gestire la cosa pubblica accentrando i poteri sotto una singola persona. Le anime e le persone di questa gruppo sono allo sbando e non hanno più il coraggio di assumersi le responsabilità delle proprie azioni”. “Siamo convinti – prevede Prc – che questa logica porterà l'intero centrosinistra a non avere più a da dire nei prossimi anni di amministrazione Venuti. Facciamo appello a tutte le forze politiche del centro sinistra per far comprendere a chi dovrebbe guidarci che Casarano non è un'azienda ma una città con una dignità che è sacra e con dei diritti inalienabili”. Rifondazione Comunista, infine, chiede se esiste o meno un regolamento per l’utilizzo degli spazi pubblici.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!