Legge sulla lettura in Puglia

Lecce. Si discute oggi pomeriggio di una iniziativa legislativa per una valorizzazione culturale fondata sulla centralità del lettore

Si terrà oggi 25 giugno, ore 18.30 negli spazi de la Feltrinelli Point di Lecce, l’incontro riguardante la legge sulla lettura attualmente al centro dei lavori del Consiglio regionale pugliese. L’appuntamento pubblico vedrà la presenza del consigliere regionale Sergio Blasi, ideatore del disegno di legge, che racconterà l’iter della proposta e le finalità di una normativa già considerata altamente innovativa per il panorama culturale italiano. Puntando sul concetto di “bibliodiversità”, cioè di diversificazione culturale dell’offerta editoriale e commerciale, la legge si fonda sul principio della centralità del lettore e promuove la lettura come forma di welfare della conoscenza e manifestazione di partecipazione democratica. Assieme a Blasi saranno presenti Michele Casella (giornalista, responsabile cultura del PD Puglia), Agnese Manni (editore, vicepresidente del Gruppo dei Piccoli dell'Associazione Italiana Editori) e Livio Muci (editore). La proposta di legge regionale sulla lettura e sul libro si fonda su un principio di crescita culturale e democratica dell’individuo e della società. In questo senso si pongono interventi diretti della Regione rivolti a non lettori, a lettori deboli e a lettori che hanno perso familiarità con la lettura, nonché alla formazione di una nuova e più solida generazione di lettori consapevoli. Altro elemento essenziale è quello relativo all’innovazione informatica e digitale quale elemento oggi determinante nel sistema e nel processo sociale della lettura, ma la legge intende anche promuovere azioni e progetti pensati per le imprese editoriali, le librerie indipendenti e gli operatori della filiera del libro. Assumono inoltre particolare rilevanza gli interventi volti alla rivitalizzazione di istituzioni già presenti sul territorio (prime fra tutte le biblioteche), oltre che le azioni finalizzate alla digitalizzazione, internazionalizzazione e formazione del personale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!