Giustizialismo o Garantismo? Furbismo!

Con la lentezza dei processi, vale più un avviso che non una sentenza anche grazie alla stampa sempre pronta a speculare.

Giustizia [giu-stì-zia], ant.iustizia, s.f. 1 valore etico-sociale in base al quale si riconoscono e si rispettano i diritti altrui come si vuole che siano riconosciuti e rispettati i propri.

Ribadisce la sua posizione Nichi Vendola, peraltro dietro insistenza dei giornalisti, e conferma di essere garantita. Premettendo che non inneggio al giustizialismo, credo comunque nel dovere dei politici di mantenere 'immacolata' la loro immagine. La questione sembra davvero complessa. Negli ultimi mesi siamo stati subissati dalla pubblicazione di intercettazioni che, sembra, stiano ripulendo un poco il belpaese. Da quelle sul calcio a quelle che coinvolgono Fitto passando da quelle che hanno portato all'arresto del 'RE'. Quasi nessuno si riconosce colpevole, ovviamente si preferisce contare sul principio di innocenza che esclude ogni colpevolezza fino all'arrivo della sentenza definitiva. La storia recente ci insegna però che può succedere il contrario: Andreotti nel maggio 2003 beneficiò di una sentenza che parlava di complicità mafiosa non perseguibile perchè caduta in prescrizione (per pochi mesi!). Assolto! Si gridò ai quattro venti senza neanche leggere le motivazioni che avrebbero dovuto portare all'esclusione dalla scena politica, almeno. Che Moggi, Vittorio Emanuele e Fitto possano contare in tanta fortuna? (la stessa sentenza sei mesi prima avrebbe portato Andreotti in carcere).

Leave a Comment