Poli mette in guardia sul pacchetto Bersani

“I tagli alla giustizia prefigurano altri oneri sugli enti locali”

Adriana Poli Bortone, coordinatore di An in Puglia, denuncia che i tagli del pacchetto Bersani incideranno sull’erogazione dei servizi sociali da parte dei Comuni

“Il Governo Prodi con il pacchetto Bersani attua sostanziali tagli alle spese per la giustizia: già per il 2006, 50 milioni di euro in meno per passare a 100 milioni nel 2007 e 200 nel 2008”. Questo l’allarme lanciato da Adriana Poli Bortone, coordinatore di Alleanza nazionale in Puglia a seguito degli ultimi provvedimenti del governo. “Se la giustizia per Prodi merita questo trattamento – prosegue Poli Bortone – significa che le promesse di snellimento dei processi, di maggiore efficienza, di considerazione per magistrati ed operatori, di risposte più immediate alle esigenze dei cittadini, sono una utopia nonostante le dichiarazioni di buona volontà del sottosegretario Maritati. Senza dire che vengono vanificate le richieste degli enti locali, rappresentate da Anci già da qualche anno, di sgravare i Comuni dal carico delle spese per gli uffici giudiziari, spese che, com’è noto, gli enti locali si vedono costretti ad anticipare per vedersele riconosciute dopo anni e anni e solo molto parzialmente. I tagli alla giustizia – conclude il coordinatore regionale – prefigurano quindi altri oneri da far ricadere sui Comuni con evidente sottrazione di risorse ad altri settori, primo fra tutti quello dei servizi sociali. Così tra provvedimenti nazionali e leggi regionali sui nuovi ‘nuclei’ familiari sarà proprio la famiglia tradizionale ad avere la peggio per la scarsa attenzione del governo Prodi che sin dall’esordio le ha inferto colpi mortali”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!