L'estate casaranese si accaparra Paolini

Grandi nomi a Casarano

Il più grande esponente del cosiddetto “teatro civile” sarà a Casarano per l'estate

Marco Paolini, considerato il massimo esponente del cosiddetto “teatro civile”, sarà il nome di richiamo delle manifestazioni casaranesi dell'estate 2006. L'attore veneto sarà di scena il 7 agosto prossimo in piazzetta d'Elia, nell'ambito del programma “Altri eventi d'Estate” che l'Assessorato alla Cultura sta definendo insieme agli uffici comunali competenti. E' stato lo stesso Paolini ad annunciare pubblicamente che farà tappa in città con il suo ultimo spettacolo, mandando all'aria i programmi dell'amministrazione comunale che stava definendo gli ultimi dettagli della serata prima di annunciare l'evento. L'attore, infatti, è stato nei giorni scorsi a Lecce, presso il teatro Koreja, e in quell'occasione, intervistato dalla Rai, ha rivelato che tornerà presto nel Salento. L'appuntamento casaranese è stato, tuttavia, già inserito nel sito internet ufficiale dell'attore veneto. Paolini presenterà lo spettacolo “Song n. 32”, accompagnato dai “Mercanti di liquore”, gruppo musicale che ha collaborato con Fabrizio De Andrè. Lo spettacolo è un concerto-denuncia sull'acqua, che intende aprire le coscienze sull'utilità di questo bene prezioso. Claudio Pedone, assessore alla Cultura, impegnato in questi giorni a mettere a punto le manifestazioni estive, non ha voluto aggiungere altri particolari, dando appuntamento ad una conferenza stampa che sarà organizzata nei prossimi giorni. Il successo di Marco Paolini arrivò con lo spettacolo “Il racconto del Vajont”, sulla tragedia causata dal cedimento di una diga che nel 1963 spazzò via Longarone e altri villaggi del Veneto. La storia di denuncia civile andò in onda su Rai Due il 9 ottobre 1997 e, inaspettatamente, inchiodò davanti alla televisione milioni di telespettatori, sbalorditi e commossi dalla potenza rituale del racconto di Paolini.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!