Tempo di Amministrative

25 Comuni salentini al voto

Cresce la tensione pre-elettorale nei 25 Comuni salentini chiamati a scegliere il nuovo primo cittadino. Particolarmente interessante sarà lo scontro gallipolino, dove si fronteggiano Flavio Fasano e Vincenzo Barba. Ma anche negli altri centri la lotta ha assunto toni tutt'altro che miti e non si escludono risultati a sorpresa

E’ tempo di amministrative per ben 25 Comuni del Salento. Ed il Tacco dedica il numero di giugno interamente alla competizione elettorale che si consumerà nelle giornate del 28 e del 29 maggio. Nei paesi la tensione è molto alta; e sorprende, in effetti, che sia così anche per i centri più piccoli. Particolarmente gustoso sarà lo scontro della città bella. A Gallipoli, infatti, si fronteggiano due personalità dalla lunga esperienza politica: Vincenzo Barba, per il centrodestra, e Flavio Fasano per il centro sinistra. Entrambi, tra l’altro, appoggiati da sette liste. Forse Fasano è l’unico che oggi può sperare di battere Barba, il neo-senatore di Forza Italia, che ormai non perde un colpo e, ambito calcistico incluso, archivia una vittoria dopo l’altra. Forse ora la partita sembra più equilibrata ed appare difficile avanzare un pronostico sull’esito del confronto; i due nomi in gara, insomma, se la giocano all’ultimo voto. A Galatina, le liste in gara sono 16 e i candidati alla poltrona di sindaco quattro, inclusa la favorita Sandra Atonica, assessora provinciale alla Cultura, scelta dai cittadini di centrosinistra con il metodo delle primarie. La sfidano Franco Maglio, Graziano Notaro e Luigi Rossetti. La poltrona di primo cittadino di Tricase, invece, se la contendono in sei: oltre all’uscente Antonio Coppola, anche Ercole Marciano, Luigi Ecclesia, Hervè Cavalera, Giuseppe Longo e Giuseppe Greco. (ulteriori approfondimenti su tutti i Comuni interessati dal voto, si trovano sul Tacco d’Italia, speciale Amministrative, attualmente in edicola)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!