Una “grattatina” di troppo

Processioni nel Salento: feste paesane o pericoli allarmanti

Dalla tradizione al pericolo il passo è nell'andamento del bruco che, lentamente seppur col giusto preavviso, compie il suo ciclo vitale

Così recita il titolo di un articolo sulla testata “Nuovo Quotidiano di Puglia” di oggi 24 maggio 2006: “Allarme processionaria. Una gita nella pineta e poi tutti a casa a grattarsi”. Dunque, se lo scopo è quello di distrarci allora capisco, altrimenti mi pare clamoroso. Durante tutto l'inverno abbiamo ascoltato pazienti ogni intervento su questi bruchi che paiono tanto pericolosi. Ma come si può pensare che la natura sia pericolosa? L'ecosistema sicuramente necessita anche di questa sua espressione. O forse siamo tutti disposti ad eliminare i delfini perchè pericolosissimi per le aringhe?

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!