Volli, sempre volli

Un Alfieri dalla De Filippi

Donne, preparatevi. Il bell’e dannato calciatore del Cervia, che mai fino ad ora ha trovato l’amore, ha deciso di accasarsi

“Volli, sempre volli, fortissimamente volli”. Il suo nome è Alfieri. Giorgio Alfieri. Ma non parliamo di letteratura, per chi avesse equivocato. L’argomento è ben più serio della solita rima imparata a memoria: il nuovo tronista di “Uomini e donne”. Lui, che tante fans hanno guardato attraverso una rete metallica durante gli allenamenti, e poi le partite ufficiali, del Vodafone Cervia (per chi non lo sapesse, si tratta di una squadra di calcio vera e propria, ma anche di un reality, perché va in onda in tv, anzi il termine giusto, che tanto piace alla De Filippi è “talent show” o qualcosa di simile, perché mette in mostra il talento di chi vi partecipa), ora è lì sul trono di Canale 5 ad attendere frotte di corteggiatrici, strette in mini-abiti che tolgono il respiro. E come dare torto a queste frotte, se lui, il tronista, è proprio Giorgio Alfieri? Anni 25 e corpo statuario. Non solo bello, alto e muscoloso; ma anche tatuato un po’ dappertutto; e poi divertente, simpatico, spigliato e sorridente. Io, quasi quasi, ci faccio un pensierino. Una volta tanto che non se li prendono le veline! Donne, sappiate, che il nostro è libero. Che il suo “trono” partirà ufficialmente a settembre e che, quindi, avete (abbiamo) tutta l’estate per telefonare alla redazione della De Filippi e presentarvi (presentarci) come le corteggiatrici giuste per lui. Che, ha specificato, non si è mai innamorato, non si è mai fidanzato, ma ha avuto tante tante donne (roba da tre notti e via, parole quasi testuali) e a più. Anzi, no. Ha detto di un bacio, il primo bacio, ad undici anni, durato circa due ore e tanto passionale. Insomma, mi chiedo (è giusto che ve lo chiediate tutte), se ad undici anni era capace di offrire alla sua donna un bacio appassionato di due ore, a 25 anni che cosa saprà offrire il nostro Alfieri? Giorgio, ovviamente, e non Vittorio. Chè quella è un’altra storia. Ma anche questa può essere poesia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!