Commossa premiazione del concorso “Stefano Costa”

Novoli ricorda il giovane scout scomparso

Si è chiuso ieri, con la cerimonia di premiazione, il concorso “Stefano Costa”, organizzato a Novoli. Tra riflessioni commosse e dibattiti sull'essenzialità nella politica e nella società

“Procurate di lasciare il mondo un po’ di migliore di come l’avete trovato”. Con questa massima di Lord Baden Powell, capo storico e fondatore del movimento scout nel mondo, si è chiusa la cerimonia di premiazione del secondo concorso “Stefano Costa”. Nella location dei giardini delle Cantine De Falco, minuziosamente allestita dallo staff del gruppo scout novolese, infatti, si è conclusa la seconda edizione della manifestazione dedicata al piccolo e sfortunato esploratore deceduto undici anni fa proprio durante un campo invernale. Prima della premiazione, spazio agli ospiti della serata, con una conferenza-dibattito intorno ai temi dell’essenzialità nella politica e nella società, moderata da Rosario Tornesello, giornalista del Nuovo Quotidiano di Puglia. Sul palco, a fare gli onori di casa, il capo gruppo Stefano Politi ed il primo cittadino di Novoli, Oscar Marzo Vetrugno. Ma sono intervenuti alla serata anche Alberto Maritati, fresco della nomina di sottosegretario al Ministero di Grazia e Giustizia, Loredana Capone, vicepresidente della Provincia di Lecce, Salvatore Capone, assessore provinciale alle Politiche Giovanili, Antonio Maniglio, capogruppo dei Ds alla Regione Puglia, padre Luca Fracasso, del Noviziato Provinciale della Comunità Passionista di Novoli ed una rappresentanza di scout. Particolarmente emozionante è stato il momento della premiazione del concorso, che ha potuto vantare la partecipazione di oltre 400 giovanissimi studenti dell’istituto comprensivo novolese e dell’istituto “Vitina Donno”. Scelti dalla commissione giudicatrice e premiati dai presidenti di associazioni novolesi sono stati Amedeo Arnesano (terzo posto), Martina Leaci (secondo posto) e Davide Milli (primo posto) per la sezione destinata alla scuola primaria; Gregorio Marzo Vetrugno (terzo posto), Luana Franco (secondo posto) e Alessio Ippolito (primo posto), invece, sono stati i vincitori della sezione dedicata alla scuola secondaria di primo grado.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!