Lecce-Milan si giocherà

Soddisfazione di Poli Bortone e Bruno per la decisione della Caf

E' stata accettata la richiesta di Salvatore Bianco, assessore del Comune di Lecce allo Sport e al Tempo Libero, di anare il provvedimento della squalifica del campo di Via del Mare per la partita di sabato prossimo Lecce-Milan

“Sono felice che la Caf abbia accolto il ricorso dell'Unione Sportiva Lecce contro la squalifica del campo”. Così Salvatore Bianco, assessore comunale di Lecce allo Sport e Tempo Libero commenta la decisione della Caf di anare la squalifica dello stadio di “Via del Mare” a seguito degli episodi del 19 marzo scorso. Nei giorni scorsi, Bianco aveva chiesto formalmente al giudice sportivo e alla Commissione disciplinare della Lega di riconsiderare più attentamente quanto accaduto durante l'incontro Lecce-Parma e di anare il provvedimento. “È una decisione che premia gli sforzi della società e quelli che abbiamo fatto, nel nostro piccolo, con la sollecitazione agli organi della giustizia sportiva – continua Bianco – una più giustificata valutazione, oltretutto, degli episodi e dei fatti di Lecce-Parma. Poter ospitare al “Via del Mare” il Milan è un bel regalo per tutti gli autentici sportivi leccesi e salentini ed un aiuto significativo alla squadra, rinfrancata dalla vittoria di ieri e – conclude – impegnata nella difficilissima corsa alla salvezza”. Esprime viva soddisfazione anche Adriana Poli Bortone, sindaco del capoluogo salentino. “Ospitare nel nostro stadio il Milan può essere un bel incoraggiamento – dice – anche perché la squadra, dopo la vittoria di ieri, ha dimostrato di aver recuperato una certa coesione e di poter ancora guadagnare la salvezza. Ora, però, mi preme fare un appello ai tifosi – conclude – affinché sabato prossimo partecipino in massa e con passione all'appuntamento calcistico e tutto si svolga regolarmente, nel segno della maturità per cui la città di Lecce può contraddistinguersi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!