La Baia dei Turchi a Otranto è in pericolo

Incapacità e negligenze mettono a richio un suggestivo scorcio della costa

La Baia dei Turchi sulla costa di Otranto è sito di interesse comunitario (SIC). E' quindi necessaria la verifica dell'incidenza ambientale. Ulteriori informazioni e documentazione fotografica su http://pinocomune.ilcannocchiale.it

Anche la Baia dei turchi di Otranto rischia di essere distrutta. Un nostro lettore ci invia questa foto, denunciando come la Regione Puglia e il Comune di Otranto siano stati costretti dal TAR a concedere permessi per la costruzione di stabilimenti stagionali, teoricamente rimovibili in qualsiasi momento. Di conseguenza stanno aprendo una strada nella macchia, per giungere allo stabilimento, versando ghiaia sulla macchia circostante e stanno costruendo in modo tale da superare il livello delle dune cespugliose. Il lettore sottolinea come il Comune di Otranto abbia già un suo piano delle coste, ma la Regione non può comunque intervenire in quanto mancano i piani delle altre città costiere, ed è quindi costretta a dare concessioni temporanee. In questo modo sta permettendo la devastazione di molti altri pezzi di costa, che tra poco sarà interamente privatizzata. Pare che l'unica soluzione per bloccare la concessione della baia sia di richiedere la verifica dell'incidenza ambientale, perchè si tratta di un SIC (sito di interesse comunitario).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!