Tricase. Disperati i lavoratori Adelchi

Teresa Bellanova interviene: “Ho incontrato anche il sindaco di Tricase, che si è impegnato a convocare una riunione tra i sindaci del comprensorio”

Teresa Bellanova, parlamentare del PD e componente della commissione Lavoro della Camera, interviene in merito alla situazione dei lavoratori Adelchi di Tricase: “Ho incontrato un gruppo di lavoratori Adelchi, pericolosamente arrampicati su un cornicione”. Una situazione drammatica, che dà la misura della disperazione di queste persone e delle loro famiglie. Bellanova chiede allora al Prefetto, la cui opera è già meritoria in questo senso, di sollecitare ulteriormente l’azienda a presentare il nuovo progetto industriale, annunciato da anni e mai visto: “Da parte dell’azienda, un gesto utile di rassicurazione di questi lavoratori sarebbe far produrre nell’opificio di Tricase le 100mila paia di scarpe che dice di avere in portafoglio, senza affidare questa commessa ad aziende terze o a prestanome”. La parlamentare condanna l’atteggiamento ricattatorio della richiesta di 15 milioni di euro, senza dare alcuna prospettiva di ripresa dell’attività lavorativa: “Ho incontrato anche il sindaco di Tricase, che si è impegnato a convocare una riunione tra i sindaci del comprensorio: questo perché tutti i livelli istituzionali devono sentirsi coinvolti. Al proposito auspico un coinvolgimento generale delle altre istituzioni, dalla Provincia alla Regione al Governo, anche perché si faccia pressione sull’azienda. L’Adelchi deve assumersi la propria parte di responsabilità dando risposte a questi lavoratori”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!