E’ permessu pe lli masci?

Il carnevale salentino, tra tradizione, segreti e novità 2006

Molti paesi del Salento hanno una lunga tradizionale carnevalesca; molti altri hanno riscoperto questa festa solo da pochi anni. Ma tutti la vivono con entusiasmo e partecipazione. Tour del Tacco nei paesi salentini: come vivono il Carnevale, come si preparano e cosa mangiano

Archiviati i bagordi natalizi, il Salento pensa al Carnevale. Episodi di euforia diffusa vengono tollerati in virtù della massima secondo la quale “a Carnevale ogni scherzo vale”, cioè: tutto ciò che non ti saresti mai sognato di fare, a Carnevale ti è consentito. Il Carnevale inizia appena voltata la pagina natalizia e si protrae fino alle porte della Quaresima. Lo start ufficiale è il 17 gennaio, giorno di S. Antonio Abate; ma la festa esplode solo gli ultimi giorni, la domenica e il martedì precedenti le ceneri (quest’anno il 26 e il 28 febbraio). Oggi le maschere tradizionali, che un tempo bussavano alle porte e si guadagnavano i dolciumi alla domanda “E’ permessu pe lli masci?”, hanno lasciato il posto a quelle innovative dei cartoni animati e i coriandoli agli spray di schiuma e stelle filanti. Ma, cambiati i modi, forse le musiche, e le maschere più gettonate, il senso della festa e l’entusiasmo dei preparativi sono invariati. Anzi, tra cucina tradizionale e segreti tramandati, il rito del Carnevale si è consolidato; e, a sorpresa, sono i giovani i più attaccati a questa ricorrenza, che oggi vive grazie a loro. (articolo tratto dal Tacco d'Italia di gennaio)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!