Ugento: ritornano cripta e chiesa restaurate

Oggi la presentazione ufficiale al pubblico

Dopo lunghi e delicati restauri, da oggi tornerà finalmente agli occhi di tutti, il complesso rurale-monumentale di Ugento composto dalla cripta del Crocefisso e dalla chiesa della Madonna di Costantinopoli. E, prima del taglio ufficiale del nastro, in sala consiliare, un convegno sul tema.

Sarà inaugurato oggi il complesso rurale-monumentale della cripta del Crocefisso e della chiesa della Madonna di Costantinopoli ad Ugento, risalenti la prima al secolo XI e la seconda agli inizi del XVII secolo. Dopo essere stati acquisiti al patrimonio dell’ente, questi importanti beni storico-artistici sono stati interessati da una notevole ristrutturazione progettata e diretta dagli architetti Roberto Bozza di Lecce e Gianfranco Preite di Ugento e realizzata dalla ditta Luigi Carlino da San Donato di Lecce, grazie ai fondi dell’Unione Europea reperiti dall’amministrazione comunale di Ugento. Fondamentale importanza ha rivestito l'accurato, lungo e meticoloso restauro scientifico effettuato sui cicli iconografici di entrambi i monumenti, che oggi ne permette, finalmente, un'adeguata salvaguardia ed una migliore e più ampia leggibilità e comprensione. I restauri all'interno della cripta hanno portato alla luce numerosi ed inediti brani di decorazione pittorica, sino ad oggi completamente nascosti da spessi strati di scialbature di calce. Il taglio del nastro sarà preceduto da un convegno, fissato per le ore 17.30, nell’aula consiliare del Comune, che vedrà, tra l’altro, l’intervento di autorevoli storici e storici dell’arte, tra cui Franco Cardini dell’Università di Firenze; Antonio Carile dell’Università di Bologna e Marina Falla Castelfranchi dell’Università di Lecce. Nel corso del convegno verranno, inoltre, presentati i risultati di uno studio scientifico che ha visto la stretta collaborazione delle Università di Lecce e di Bologna. Per l’occasione, questo approfondito studio verrà pubblicato in un testo dal titolo “La Cripta del Crocefisso ad Ugento: la storia, gli studi, le nuove acquisizioni” realizzato a cura di Maria Consiglia De Matteis, e grazie al sostegno economico della Pro loco di Ugento, e che raccoglie testi ed immagini inediti sulla cripta di Ugento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!