Apre la porta. Gli sparano in testa

Killer in azione in via Terni

Omicidio alla periferia di Lecce. Hanno bussato alla porta e, quando Antonio Giannone ha aperto, gli hanno sparato due colpi in testa e sono fuggiti. Giannone aveva preedenti per droga

La sua moto Yamaha R6 blu elettrico era parcheggiata per strada. I killer hanno dunque avuto la certezza che fosse lì, in un appartamento di via Terni, nel quartiere Stadio. Così hanno fatto sei piani di scale ed hanno bussato alla porta. Quando Antonio Giannone, 25 anni, leccese ma residente a Gorizia, ha aperto, gli hanno sparato due colpi in testa e sono fuggiti. Eppure quella non era casa sua, ma di un’amica. Chi ha sparato conosceva, dunque, le sue mosse. E’ accaduto ieri alle 22.30 circa. L’agguato riapre gli episodi di criminalità nel Leccese. Era dal 6 marzo 2003 che non si sparava per uccidere, da quando, cioè, venne trucidato Antonio Fiorentino nel suo “Bar Papaya”. Ma l’episodio di ieri sera ha rotto l’apparente tregua. Secondo gli inquirenti il movente dell’omicidio sarebbe da ricercare negli ambienti dello spaccio di droga. Giannone, infatti, nel 2004 era stato arrestato quando, in seguito ad una perquisizione, venne trovato in possesso di cocaina ed eroina già divise in dosi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!