Il “Salento” di Longhi

Piero Longhi e Maurizio Imerito si aggiudicano il Rally del Salento

Longhi vince per la prima volta il Rally del Salento e “allunga” in campionato. Sul podio, Navarra e Cantamessa. Dallavilla è primo nella Super 1600.

Fino all’ultimo con il fiato sospeso: è la caratteristica del Rally del Salento che, anche per la 39ma edizione, non ha fatto mancare i suoi colpi di scena, proclamando, dopo corse e rincorse in testa alla classifica e dopo ritiri eccellenti, Piero Longhi e Maurizio Imerito, su Subaru Impreza Sti, vincitori della gara valevole come 5a prova del tricolore e 4a della Coppa Europa FIA Regione Ovest, a coeff. 10. Una vittoria pesante che consente al pilota novarese di mettere un’ipoteca sulla conquista del titolo italiano 2005 e di rafforzare la leadership in Coppa Europa. Gara da archiviare invece per Travaglia (Renault Clio Super 1600) e Andreucci (Fiat Punto Abarth), che, da leaders della classifica provvisoria, si sono trasformati in spettatori sfortunati. Sconfitto anche Aghini (Subaru Impreza Spec. C), per il quale è stata “fatale” la lunga Prova Speciale di “Palombara”. E spazio a Navarra (Mitsubishi Lancer Evo VIII) che ha concluso al secondo posto assoluto, e a Cantamessa (Subaru Impreza Spec. C), premiato sul terzo gradino del podio. Il vincitore della passata edizione, Andrea Dallavilla (Citroen C2) è stato protagonista di una grande rimonta che gli ha permesso di chiudere la gara al quinto posto e di vincere la Super 1600. La classifica dei primi dieci si completa con i nomi di Bizzarri (Renault Clio Super 1600), Cunico (Mitsubishi Lancer Evo VIII), Laganà (Mitsubishi Lancer Evo VIII), primo dei pugliesi, De Dominicis (Mitsubishi Lancer Evo VIII) e Bruschetta (Mitsubishi Lancer Evo VIII). Oltre a Laganà, hanno ben difeso i colori di casa i leccesi De Marco (Renault Clio Rs), quattordicesimo assoluto, e Pisacane (Renault Clio Rs Light), quindicesimo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!