Civico Museo Scolastico, missione compiuta

Soddisfazione di organizzatori e amministratori

Resoconto positivo per l’opera di recupero di materiali scientifici e tecnici antichi portata avanti dall’associazione di Lecce “Astrolabio”. E per i laboratori rivolti ai bambini e finalizzati ad una più precisa conoscenza delle epoche storiche e dello spazio.

Si rinnova anche quest’anno il grande successo di pubblico del Civico Museo Scolastico di Lecce, allestito presso la scuola media “Stomeo-Zimbalo” in via Siracusa. L’iniziativa è nata nel 2000 dopo che sono stati ritrovati in stato di completo abbandono presso l’istituto Margherita di Lecce preziosi strumenti scientifici e tecnici d’epoca che sono oggi patrimonio del museo. una immagine del museo L’importante opera di recupero è stata portata a termine dall’associazione “Astrolabio” in cinque mesi di lavoro e ha portato alla realizzazione della sezione scientifica del museo diretta da Anselmo Orlando, astronomo e presidente dell’associazione. Il progetto di allestimento è stato curato da Paolo Orlando e dal designer Federico Re. Soddisfatto per la conferma del successo dell’iniziativa l’assessore alla Pubblica Istruzione, Andrea Corvaglia, annuncia l’impegno dell’amministrazione comunale a ripetere l’esperienza anche nel prossimo anno scolastico. Attualmente la sezione scientifica offre una visita guidata attraverso un itinerario tematico scientifico-tecnico e un laboratorio multimediale interattivo, progettato per coinvolgere gli studenti in numerosi esperimenti che permettano loro, attraverso il gioco, di avvicinarsi al mondo della scienza e della tecnica. La visita al museo è indirizzata a tutte le scolaresche e avviene tramite prenotazione al numero telefonico dell’associazione Astrolabio 0832 455513. Durante la giornata gli alunni prendono parte attiva a numerosi esperimenti scientifici, costruiscono modellini di pianeti, stelle e galassie, dipingono su cartoncino i pianeti del sistema solare e partecipano ad un affascinante viaggio nel cosmo. Partendo dal sistema solare essi giungono sino ai confini dell’universo conosciuto. Inoltre, sempre tramite la guida di un esperto che si avvale dell’ausilio di grafica tridimensionale, si effettuano viaggi nel tempo alla scoperta dell’architettura dell’antico Egitto, Grecia e Roma.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!