Fitto-Vendola su “Ballarò”

In onda su Raitre il confronto Fitto-Vendola

Nuovo confronto video tra i due candidati alle Regionali per la Puglia, Raffaele Fitto e Nichi Vendola. Ieri sera, ospiti di Giovanni Floris, a “Ballarò”.

La sanità, e il riordino ospedaliero in particolare, continua ad essere il terreno di scontro preferito dei due candidati alla presidenza della Puglia, Raffaele Fitto e Nichi Vendola, ospiti, ieri sera, in collegamento diretto, della trasmissione televisiva “Ballarò”, condotta da Giovanni Floris. Ennesimo confronto in video per i due, a poche ore dalla chiusura della campagna elettorale. E i toni si scaldano sempre di più. Soprattutto quando si tocca l’argomento del riordino ospedaliero. Allora, Vendola accusa Fitto di essere un “disco incantato”, che da dieci anni ripete sempre le stesse cose “e – aggiunge – il declino della regione è sotto gli occhi di tutti: ultima nella qualità della vita, asili nido e consultori tagliati, reparti ospedalieri soppressi con uno stile di governo arrogante”. Fitto replica immediatamente: “E’ questa la cultura estremista che sguazza sul disagio sociale. Dopo trent’anni abbiamo fatto un piano ospedaliero che Vendola dimostra di non conoscere” e il candidato per il centrosinistra aggiunge: “pensato da tecnocrati e attuato senza ascoltare le comunità e il personale medico. In Puglia – continua – vogliamo esportare quello dell’Emilia Romagna”. E alla proposta di Vendola, che vuole “il salario d’ingresso legato al nuovo collocamento”, un provvedimento in linea con l’Income Support, assunto da circa otto anni dal governo Blair, Fitto risponde: “Proporre un salario sociale, che è una misura assistenziale, è oggi, solo demagogia: oltre a proporre bisogna sapere, e dire, a chi si rivolge e da dove vengono presi i soldi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!