Il segreto dell’olio e i profumi della dea

Nel Salento antico si producevano profumi

Nel 2000 a.C. si producevano olii profumati dalle olive acerbe. Perché non farlo oggi?

Di Tania Pagliara La fabbrica di profumi del Mediterraneo più antica del mondo venne ritrovata a Phirgos, sull’isola di Cipro. Un importante sito archeologico del II millennio A.C. La fabbrica venne distrutta da un incendio durante un terremoto, per cui tutto era seppellito sotto la cenere: ogni suppellettile era rimasto intatto. distillatoreInteressante fu il ritrovamento di un piccolo macchinario usato per la distillazione dell’olio: gli imbuti, simili a quelli moderni, testimoniano la conoscenza della distillazione molto prima di quanto si presupponesse. Inoltre la fabbrica testimonia che la produzione dell’olio nel Mediterraneo non era solo a scopi commestibili, importantissima era la produzione degli oli profumati di Afrodite. Dalle testimonianze archeologiche, dai numerosi contenitori ritrovati, si deduce che anche il Salento, sotto l’influenza di Cipro e del culto della dea, era nell’antichità importante per la produzione di profumi. profumi museo(Nelle foto contenitori di profumi del Museo di Brindisi) Il sito di Phirgos tramanda che l’olio usato per la creazione dei profumi era ottenuto dalle olive ancora verdi, raccolte ad agosto. Oltre all’olio venivano usati fiori, foglie, alloro, oppio e fragranze di ogni tipo. Dalle informazioni avute dagli archeologi è possibile oggi riprodurre e rimettere in commercio questi oli profumati sacri alla dea dell’amore ed alcuni anche afrodisiaci, una soluzione che potrebbe risollevarci in un momento così critico per il commercio del nostro olio commestibile. Riprendiamo la produzione di profumi a base di oli, come quando eravamo Messapi e magno greci: Afrodite salverà i nostri ulivi!

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!