Il futuro del turismo? In cammino con Maria

Nuovi itinerari nel basso Salento fanno rivivere tutte le suggestioni del turismo religioso

//GOOD NEWS// Non solo Gallipoli. Turisti, come pellegrini: un nuovo itinerario tra le serre salentine fa scoprire cultura, artigianato, enogastronomia

Lasciate sullo sfondo il rumore assordante e omologante della movida. Gli spritz sulla spiaggia e le devastazioni alcooliche per la strada. Lasciate per un attimo da parte le polemiche post ferragostane su Gallipoli modello o zimbello. Lasciatevi assorbire dal silenzio dei luoghi sacri, dei centri storici, dei paesini ancora intatti, ancora magici, del basso salento. Proprio come fecero quei primi ‘turisti’ religiosi: i pellegrini. Girarono l’Europa, con spirito di sacrificio e di devozione, da una parte inseguendo mete religiose, le più ardite, dall’altra costruendone di nuove, nel loro pellegrinare. Anche costruendo mirabolanti costruzioni, sulle loro tappe, per destare scalpore e meraviglia e aiutare, a far ritrovare, in chi quella meraviglia la contemplava, la fede. Il turismo religioso in altre zone d’Europa, si intreccia e si fonde con quello laico: un esempio su tutti il cammino per Santiago de Compostela, che da momento di contrizione religiosa si è trasformato in un esempio, laico, di turismo sostenibile e a basso costo a contatto con la natura, alternando le camminate a piedi o l’autostop, con i mezzi pubblici (treno, autobus) e la bicicletta. Lungo il cammino, bivacchi, locande a basso costo, ricoveri dove ripararsi con il sacco a pelo. Anche il Salento ora riscopre i percorsi devozionali, in passato costellati da ‘tappe’ di grande valore storico, artistico, architettonico: dalla Chiesa di Casaranello per arrivare a Santa Maria di Leuca. Il Gal ‘Serre salentine’ sta lavorando proprio su questo: costruire nuovi percorsi devozionali, ispirato all’antico concetto dei viaggiatori, che pregavano, viaggiando, scoprendo nuovi posti e, scoprendo i posti, scoprivano le loro tradizioni e la gastronomia di chi li accoglieva. Il percorso devozionale si chiama “In Cammino con Maria: il culto mariano nelle Serre Salentine”. L’iniziativa si inserisce nel Progetto di Cooperazione Transnazionale e Interterritoriale “Cammini d’Europa ed è stato pubblicato un avviso per individuare un soggetto a cui affidare la realizzazione e l’allestimento dei luoghi della fede e della memoria delle Serre Salentine nell’ambito del percorso devozionale individuato dall’Università del Salento – Dipartimento di Beni Culturali. //ECCO IL CAMMINO CON MARIA Galatone: santuario del Ss. Crocifisso della Pietà e comprende anche la chiesa di S. Maria delle Grazie con l’attiguo convento degli Alcantarini. Neviano: chiesa della Madonna della Neve e il sito dell’abbazia di San Nicola, oggi sede del Laboratorio Eco-Museale del Paesaggio delle Serre Salentine. Sannicola: abbazia medievale di San Mauro e l’Alto Lido Gallipoli: santuario Madonna del Canneto, la chiesa di S. Maria degli Angeli e quella di Santa Cristina Alezio: chiesa della Madonna Addolorata e il Santuario della Lizza Tuglie: la settecentesca chiesa dell’Annunziata, le chiese neoromaniche delle Anime e del Carmine, il santuario della Madonna del Grappa che rievoca le cruenti battaglie della Prima Guerra Mondiale Collepasso: chiesa della Madonna delle Grazie Parabita: santuario della Madonna della Coltura Matino: la chiesa del Carmine Casarano: chiesa di Santa Maria della Croce di Casaranello (il luogo di culto più interessante e più antico) e quella della Madonna della Campana Taviano: chiesa della Madonna Addolorata, denominata anche Madonna del Miracolo Melissano: la Madonna dei Miracoli Racale: Madonna dei Fiumi Alliste: chiesa medievale della Madonna dell’Altomare //I LUOGHI DELLA FEDE I luoghi della fede designati sono stati, poi, indicati dalla Curia Vescovile di Nardò – Gallipoli e sono: la Casa del Pellegrino del Santuario Santissimo Crocifisso di Galatone; il Cortile del Santuario della Madonna della Coltura di Parabita; la Chiesa della Madonna dei Fiumi di Racale. Attraverso questo bando (consultabile sul sito www.galserresalentine.it; la scadenza è fissata per le ore 12.30 del 14 ottobre 2014) si vuole rappresentare, attraverso un’esposizione a carattere permanente, le memorie, le storie, le tradizioni e i luoghi attorno ai quali si concentrano i momenti di devozione, di pellegrinaggio e di culto delle comunità con l’uso di tecniche avanzate di esposizione, tali da creare un effetto coinvolgente ed emozionale. “Il percorso devozionale – afferma il presidente del GAL, Salvatore D’Argento – si articola fra terra e mare, in un tratto molto suggestivo per il Salento. La ricchezza del patrimonio religioso delle tappe è la chiara espressione della devozione del popolo delle Serre Salentine che si è tramandata di generazione in generazione attraverso riti, tradizioni e gli edifici dedicati al culto della Madonna. Un’occasione importante – continua il presidente – per promuovere il territorio non solo nel resto d’Italia, ma anche a livello internazionale, visto che il progetto di Cooperazione prevede a livello europeo anche la messa in rete di tradizioni, usi, folclore ma anche bellezze ambientali, storico e artistiche degne di fruizione. Una sorta di partenariato nel quale far condividere una strategia di promo – commercializzazione turistica del territorio rurale e delle sue strutture, dei suoi prodotti e dei servizi dei territori interessati da questi itinerari storico-culturali. Un’occasione – conclude il Presidente, Salvatore D’Argento – importante per il GAL “Serre Salentine” che entra, così, in un circuito internazionale del turismo religioso, con tutte le ricadute positive per l’economia del territorio”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati