Proforma, consulenti di Tap, minacciano querela

Bari. Dopo le minacce di querela dell'azienda Tap, arrivano le minacce di querela dei suoi consulenti per la comunicazione

Diventa ancor più rovente il clima sul fronte Tap. Fioccano i comunicati, poi le smentite e le rettifiche e poi le minacce di querela. Adesso la minaccia di querela arriva da Proforma, l'agenzia di comunicazione che cura la campagna di Tap ed è rivolta, evidentemente, oltre che al comitato NO Tap, anche a chi gli da voce. In un comunicato Proforma afferma: “Su TAP tutto trasparente. Proforma ha, tra le varie collaborazioni in corso, anche quella con il gruppo TAP, per il quale cura la comunicazione. Come ogni volta che Proforma fa il suo lavoro, è normale e persino giusto che ognuno esprima la propria opinione circa la qualità della sua attività. In particolare, sostenere che concessionarie e responsabili di eventi che firmano contratti di sponsorizzazione e pubblicità con Proforma per Tap non siano stati informati sul nome del cliente dal quale ricevono danaro, oltre che falso, è del tutto privo di logica, come noto a chiunque faccia questa professione. Per questi motivi chiediamo a chi legittimamente vuole proseguire la sua battaglia politica, di non utilizzare a tal fine l'arma della diffamazione, che in modo evidente procura alla nostra azienda un danno all'immagine gratuito e fuori luogo. Non abbiamo mai querelato nessuno, e non vogliamo scoprire come si fa”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!