Una mostra per la bicicletta

Novoli. La storia delle due ruote, sospese tra necessità di trasporto, divertimento e sport

Il paese della “focara” dedica una straordinaria mostra alla storia della bicicletta. Sarà il giornalista sportivo Elio Donno a tagliare questa sera il nastro della mostra di biciclette d’epoca e storiche dal titolo “Due ruote per diletto e per necessità” che si tiene nelle sale della Drogheria delle Arti di Piazza Regina Margherita a Novoli. La mostra organizzata dall’Associazione culturale Il Parametro e dalla Fondazione Fòcara di Novoli ripercorre la straordinaria storia della due ruote, dagli schizzi di Leonardo Da Vinci al “célérifère” del Conte Sivrac e la “Draisienne” del barone Von Drais di Sauerbrun fino ai modelli dei nostri giorni. Nelle sale della Drogheria delle Arti, per la prima volta, si potranno ammirare oltre 80 pezzi rari provenienti dalla collezione privata di Gianni Gerardi, modellini di biciclette storiche, centinaia di foto tra cui quelle provenienti dal Museo della bicicletta di New York, i marchi più famosi che hanno fatto la storia delle due ruote, tandem, selle e tricicli, le biciclette dei mestieri. In una sala è stata ricostruita persino un’officina per la riparazione delle biciclette a cura di mesciu Michele Labriola. Tutto in un percorso ideale che farà scoprire ai visitatori il fascino e l’utilità che le due ruote hanno avuto nelle varie epoche storiche. L’inaugurazione sarà preceduta da un dibattito nel Teatro Comunale di Piazza Regina Margherita, per presentare il catalogo fotografico che raccoglie i saggi degli studiosi *Rossella Barletta*, *Piergiuseppe De Matteis*, *Eugenio Imbriani*, *Alessandro Laporta* e *Michele Mainardi*. Il dibattito sarà moderato dalla giornalista *Cecilia Leo*. Saranno presenti il sindaco di Novoli e Presidente della Fondazione Focara di Novoli *Oscar Marzo Vetrugno* e il curatore della mostra e del catalogo *Mario Rossi*.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!