Pro-Salento punta a Lecce2019

Lecce. 88 fotoposter scattate, assemblate e diffuse in rete in solo sei ore. I ragazzi puntano sulla nomina di Lecce a capitale europea della cultura

LECCE – “Ogni volta che abbiamo incontrato ed interagito con Airan Berg, il coordinatore artistico di Lecce2019, ci ha sempre ripetuto che dovremmo essere soprattutto noi giovani a sostenere la candidatura di Lecce a Capitale Europea della Cultura 2019 perché fra cinque anni saremo noi i protagonisti della città. E noi l’abbiamo preso in parola e in appena sei ore abbiamo inventato, realizzato e diffuso in rete questa nuova campagna. E’ il nostro modo di celebrare il Mese dell’Eutopia”. A parlare sono alcuni degli 88 giovani del movimento “Pro_Salento” che hanno concepito e realizzato la campagna denominata “Io punto a Lecce2019” e che, con molta ironia, vede ogni ragazza e ragazzo in un fotoposter mentre con gli indici “punta” al logo ufficiale di Lecce2019. L’idea è nata sabato mattina alle 10 e intorno alle 16 l’intera campagna con 88 fotoposter diversi erano già su Facebook ed è iniziata immediatamente la contaminazione virale. E non basta, a tre giorni dalla pubblicazione e al fine di incrementare quanto più possibile le visualizzazioni della campagna, e quindi massimizzarne l’efficacia, i ragazzi hanno deciso di mettersi in competizione tra loro per vedere chi riesce ad ottenere più “mi piace” e più “condivisioni” entro le ore 12 di mercoledì 28 maggio. E qui arriva la ciliegina sulla torta: il titolare dell’agenzia Semar Viaggi, Rodolfo Baglivi, tramite Facebook è venuto a conoscenza della gara, che gli è piaciuta così tanto, da spingerlo a “premiare” i ragazzi per la loro creatività e per il loro impegno nel sostenere Lecce2019. Ha deciso infatti di mettere in palio un buono da 100 euro da spendere nella sua agenzia e offrire così un’occasione di viaggio alla ragazza o al ragazzo che vincerà. Quella dei fotoposter non è la prima azione dei giovani di Pro_Salento a favore di Lecce2019. Già a dicembre, prima ancora che Lecce superasse la prima selezione, 104 di loro dichiararono il loro pieno supporto alla candidatura di Lecce mettendo in gioco i diversi progetti su cui stavano lavorando, ossia la cultura dell’appartenenza con “Salèntide”, la mobilità sostenibile con il “Movimento 5 Selle”, il risparmio energetico con “EdiSons”, l’educazione a mangiare bene e sano con la “Dieta Med-Italiana” e l’incentivazione del turismo destagionalizzato e accessibile con “Pro-Salento Turismo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment