Fotovoltaico galleggiante. Successo pugliese in Germania

Hannover. La novità è stata lanciata dalla “Daiet” di Cisternino e rappresenta la nuova frontiera del settore perché definita “ecologica e a maggior rendimento”

Fotovoltaico galleggiante. E' di un'azienda pugliese il brevetto messo a punto e presentato alla Fiera delle tecnologie industriali, “Hannover Messe” (in Germania). La novità, unica nel suo genere in tutta Europa, è stata lanciata dalla “Daiet” di Cisternino (Br) e rappresenta la nuova frontiera del fotovoltaico perché definita “ecologica e a maggior rendimento”. I pannelli si montano infatti sui laghetti artificiali degli acquedotti. “L’acqua – spiegano i tecnici dell’azienda – raffreddando i pannelli ne migliora la resa, permettendo di produrre fino al 20% di energia in più”. Così non si sottraggono suoli all’agricoltura e l’acqua del bacino, oltre ad essere protetta dall’evaporazione, è perfettamente utilizzabile dall’acquedotto. In Germania, cioè nel paese leader in Europa per il fotovoltaico, non si era ancora visto a del genere. Immaginabile l’interesse degli operatori per la nuova tecnologia, che in Puglia vedremo presto realizzata ad Avetrana. E non è l’unico caso. Negli stand pugliesi protagonista assoluta è stata l’innovazione, tant’è che molte delle novità nell’energia rinnovabile e nella meccanica del prossimo futuro potrebbero essere tecnologie pugliesi. Sono sei infatti i nuovi brevetti presentati con successo agli operatori stranieri, a cominciare dal fotovoltaico galleggiante. Un’altra impresa, la “Mec Prod” di Ostuni, ha messo a punto pannelli che seguono l’orientamento del sole compiendo movimenti in due direzioni differenti con un unico motore. Per l’”Entalpia Engineering” di Corato (Ba), invece, innovazione vuol dire risparmio energetico. L’impresa ha presentato ad Hannover un sistema innovativo di teleriscaldamento ottenuto recuperando il cosiddetto cascame termico, cioè l’energia termica prodotta nell’ambito di impianti alimentati a gas o con altre fonti, che solitamente si disperde. Trasformandola, è possibile trasferirla agli utenti che ne hanno bisogno senza che venga bruciato altro combustibile. Un impianto del genere, unico in Europa, esiste già a Candela ed è stato realizzato da Entalpia. La nuova tecnologia ha interessato Germania, Francia, ma soprattutto Israele. Soddisfazione anche per le altre imprese. La Geatecno di Bari potrebbe stringere presto accordi con aziende canadesi per l’eolico e polacche per le biomasse, mentre la “Dld Elettronica” di Taranto ha avviato contatti interessanti con operatori di Turchia, Lussemburgo, Estonia e Polonia oltre che Germania. La promozione ad Hannover di tecnologie inedite ha riguardato anche le imprese meccaniche che hanno partecipato al salone Industrial Supply. Così la “Block Shaft” di Fasano ha brevettato e presentato per le prima volta sui mercati internazionali un sistema di sicurezza del vano di carico dei camion. La “Karborek” di Martignano ha promosso un brevetto di cilindro idraulico di macchine movimento terra che potrà essere applicato anche al settore dell’energia rinnovabile, mentre Petrone Oleodinamica di Gravina di Puglia ha progettato e presentato ad Hannover una pompa oleodinamica che si applica alle macchine per tagliare la legna. Rilevanti i contatti internazionali. La “Cmt” di Modugno sta per presentare offerte ad operatori francesi e ad una multinazionale americana. La “Pgm” Produzione guarnizioni motori srl di Posta San Lorenzo (Fg), invece, ha avuto importanti incontri di business con tedeschi, italiani ed ungheresi e la Meccanica Rizzello di Taurisano (Le) con operatori di Germania, Tunisia, Turchia, Lituania, Belgio, Spagna e persino Cina. “Il valore aggiunto di un prodotto – ha detto la Vice Presidente della Regione Puglia e Assessore allo Sviluppo Economico, Loredana Capone – è tutto nella sua componente innovativa. In questi anni valorizzando la ricerca industriale abbiamo dato grande impulso all’innovazione. Adesso i risultati di queste politiche stanno mettendo in evidenza la Puglia sui mercati esteri. È una gratificazione per tutto il sistema”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment