Turismo e smart city. Un seminario per saperne di più

Lecce. All’appuntamento di domani l’assessore Alessandro Delli Noci dialogherà con i docenti Amedeo Maizza e Stefano De Rubertis

LECCE – Turismo: aggiornarsi per crescere. È promosso dalla Facoltà di Economia dell’Università del Salento, nell’ambito del corso di laurea magistrale in “Gestione delle attività turistiche e culturali”, un ciclo di seminari sulle tematiche più attuali in materia di turismo. Prossimo appuntamento domani, alle ore 9 nell’aula E3 del complesso Ecotekne con “Smart city e turismo: le opportunità per la nuova imprenditoria”. Dialogheranno Alessandro Delli Noci, assessore all’Innovazione tecnologica, politiche comunitarie, politiche giovanili, politiche per il lavoro e formazione professionale del Comune di Lecce, e i professori Amedeo Maizza e Stefano De Rubertis. “Si vuole offrire agli studenti un’opportunità di approfondimento della realtà pugliese in ambito turistico – spiegano gli organizzatori – cercando di attivare un circolo virtuoso tra la creatività e le capacità degli studenti e le potenzialità turistiche del territorio, in modo da poter stimolare la nascita e/o lo sviluppo delle diverse formule imprenditoriali che il settore può offrire. La presenza di diverse professionalità nei vari incontri consente inoltre di conoscere la poliedricità dell’economia turistica e i suoi positivi impatti per l’evoluzione dei territori e delle collettività”. Ecco i prossimi seminari in programma: 30 maggio, ore 16, sala riunioni I piano Dipartimento di Scienze dell’Economia “La comunicazione nei processi di competizione turistica” dialogheranno Livio Chiarullo di “Puglia Promozione” e i professori Amedeo Maizza, Alberto Dell’Atti e Stefano De Rubertis 6 giugno, ore 10, sala riunioni I piano Dipartimento di Scienze dell’Economia “Il progetto green road e le sue potenzialità” Dialogheranno Antonio Prota, Presidente del Consorzio 100 Masserie, e i professori Amedeo Maizza e Stefano De Rubertis

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment