Il trattore si ribalta, agricoltore muore schiacciato

Melendugno. Domenico Farì, 64 anni, è caduto al suolo, finendo sotto il mezzo. Inutili gli interventi dei vigili del fuoco e del 118

MELENDUGNO – E’ stato proprio il mezzo con il quale aveva condiviso le fatiche di una vita a giocargli un brutto scherzo. Purtroppo letale. Mentre era intento nella solita attività della potatura, a bordo di quel trattore che conosceva come le sue tasche, Domenico Farì, 64 anni, di Melendugno, è finito a terra, rimanendo schiacciato dal mezzo che s’è ribaltato.

trattore

E’ accaduto nel tardo pomeriggio di ieri, in località Tre Scorpi, a Melendugno. Difficile, impossibile, evitare il peggio. Perfino per gli uomini del Comando dei vigili del fuoco di Lecce, che sono arrivati su posto in pochissimo tempo ed hanno estratto il corpo da quella trappola mortale; un’operazione non semplice, resa ancora più difficoltosa dalle condizioni del terreno – bagnato e pesante – e che ha richiesto l’utilizzo di nove uomini e tre automezzi. I soccorritori e le persone accorse sul luogo dell’incidente hanno anche allertato il 118, ma il medico che è giunto lì poco dopo non ha potuto fare altro che constatarne il decesso: l’agricoltore è morto a causa delle lesioni riportate.

trattore

Su disposizione del pm Emilio Arnesano, il corpo è stato trasportato presso la camera mortuaria del cimitero vicino. Intanto, per ricostruire l’esatta dinamica dei fatti, sono in corso le indagini a cura degli agenti di polizia locale e dello Spesal, che dovrà stabilire anche se siano state rispettate le condizioni di sicurezza.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!